Home Politica Sassuolo: via libera ad importanti atti amministrativi

Sassuolo: via libera ad importanti atti amministrativi

Sono stati discussi e approvati importanti atti amministrativi nella prima parte del Consiglio Comunale sassolese.

Tra questi vengono segnalati:
L’approvazione – all’unanimità di tutte le componenti consiliari presenti – di due importanti convenzioni, la prima con l’Università di Modena e Reggio Emilia per l’utilizzo e il funzionamento di infrastrutture della sezione di medicina legale quale obitorio-deposito.

La seconda per l’allargamento e la gestione in forma associata tra la Comunità montana del Frignano, quella dell’Appennino Modena Ovest ed i Comuni pedemontani di Sassuolo, Fiorano, Formigine e Maranello dei vincoli idrogeologici sul territorio previsti dalla specifica normativa.

La Parrocchia di Pontenuovo della Consolata ha poi ottenuto il via libera in deroga al regolamento comunale vigente, per la costruzione di un fabbricato destinato a Centro Parrocchiale e Oratorio Giovanile.
L’atto che è stato illustrato dal Vicesindaco e Assessore all’Urbanistica Giancarlo Diamanti prevede l’edificazione di una struttura resasi necessaria per rispondere alle aumentate richieste proveniente dai giovani e dai gruppi della zona.
E’ stato quindi sottolineato, da più di un consigliere intervenuto, l’importanza dell’aspetto socio-educativo e del ruolo pubblico delle attività della Parrocchia cittadina.
Anche questo comma è stato approvato all’unanimità di tutti i votanti, a parte il voto contrario espresso da Giampaolo Marchesini, di Rifondazione comunista.

Verrà poi indetta una gara apposita per individuare il nuovo Istituto di Credito chiamato a svolgere le funzioni di Tesoreria comunale, essendo scaduta e non più rinnovabile, slavo una proroga di natura tecnica per l’espletamento della gara, l’attuale convenzione con Unicredit.
Il Sindaco ha specificato i criteri minimi quantitativo-qualitativi (sei ore di apertura quotidiana, almeno tre sportelli dedicati) previsti per partecipare.
All’interno del Bando un’importante novità: è richiesta la condizione-certificata dalla Banca stessa di non aver al proprio interno rapporti di finanziamento con fabbriche d’armi.
Su questo punto si è astenuta Forza Italia, tutti i restanti gruppi consiliari hanno invece votato a favore.

Sono poi stati approvati i nuovi B.O.C. comunali.
L’importo complessivo finanziato è pari ad 1 milione e 700.000 euro. La destinazione d’uso dei finanziamenti dell’obbligazione sono così suddivisi:
1) 1 milione di euro verrà destinato alla Provincia di Modena per le opere di urbanizzazione previste per la realizzazione della nuova sede del Liceo Formiggini;
2) 700.000 euro per l’acquisto e realizzazione di nuove tecnologie e infrastrutture per la realizzazione della nuova rete telematica di derivazione regionale;
3) 100.000 euro per la riqualificazione del parco cittadino di via Crispi.
La delibera ha fatto registrare il voto favorevole di tutti i gruppi, tranne quello di Forza Italia, astenutosi.

La SAT e il relativo progetto di riposizionamento della Società che si occupa della gestione dei Servizi Ambientali, per la quale erano anche presenti in aula il Presidente Rossano Gianferrari e l’A.D. Mario Masi.
Il Sindaco Graziano Pattuzzi ha rimarcato, nel suo intervento illustrativo, l’aspetto importante di adeguare, anche alla luce delle nuove normative europee da poco introdotte “missione e finalità di un’azienda chiamata a confrontarsi con il mercato dei servizi delle multiutility, salvaguardando il proprio patrimonio, mantenuto sotto controllo pubblico e per il mantenimento/miglioramento della significativa qualità complessiva dei servizi offerti ai cittadini…”.
La discussione su questo tema è stata particolarmente ricca e articolata, con l’intervento di almeno e più di un rappresentante per tutti i gruppi consiliari.
E al termine della stessa è stato approvato il progetto e i passi necessari che porteranno ad indire e svolgere la gara prevista, da cui scaturiranno nuovi partner ed assetti aziendali nei primi mesi del prossimo anno.

Infine, sempre nella prima seduta, si è ufficialmente sancita l’uscita da Rifondazione Comunista del consigliere Nicola Caserta. Caserta fa ora parte del Gruppo misto, di cui è stato nominato capogruppo consiliare Gabriele Giovanardi che aveva già costituito il gruppo alcuni mesi orsono.