Home Ambiente Dal Sudafrica per studiare l’agricoltura modenese

Dal Sudafrica per studiare l’agricoltura modenese

Mandla Mabuza, componente della presidenza dell’African National Congress (il partito fondato dall’ex presidente sudafricano e premio Nobel per la pace Nelson Mandela), e Jeanet Mahlangu, dirigente del Ministero dell’Agricoltura, sono a Modena per colloqui istituzionali e con i rappresentanti del mondo economico.

Oggi hanno incontrato il presidente di Confcooperative Modena Gaetano De Vinco. “Abbiamo spiegato ai nostri ospiti come, attraverso le cooperative, le imprese agricole partecipano allo sviluppo dell’economia modenese e creano benessere per loro stesse e per il territorio”, riferisce De Vinco, che ha poi illustrato la storia di Confcooperative Modena, la sua mission e i principi che ne ispirano l’attività.
Erano presenti all’incontro anche i rappresentanti di Copagri, Cia e Coldiretti, che hanno parlato del ruolo delle organizzazioni professionali nelle trasformazioni dell’agricoltura a livello locale, nazionale ed europeo. Prima di essere ricevuta a Palazzo Europa la delegazione sudafricana, di cui fa parte anche il vicepresidente della Camera di commercio italo-sudafricana Giuseppe Lanzi, ha visitato le cooperative Focherini a S. Martino in Spino e Italfrutta a S. Felice.

La visita modenese di Mabuza e Mahlangu è stata concordata con l’Ambasciata italiana in Sudafrica e con il Console italiano a Città del Capo, il modenese Alberto Vecchi, figlio dell’ex presidente dell’Unione Cooperative di Modena Giuliano Vecchi, che accompagna il gruppo negli incontri con le istituzioni e con i rappresentanti del mondo economico.