Home Bologna Una Favola di Pediatria: il lieto fine

Una Favola di Pediatria: il lieto fine

Oltre 150 tra donatori e sponsor e € 153.152,00 i fondi raccolti: è la felice conclusione di “Una Favola di Pediatria”, una campagna di raccolta fondi per la realizzazione di un progetto di ristrutturazione dell’area pediatrica dell’Ospedale Maggiore e del Pronto Soccorso Pediatrico, l’acquisto di nuovi arredi per la ludoteca e per la creazione di camere per accogliere le mamme dei bambini ricoverati nella Terapia Intensiva Neonatale.

Migliorare ancora di più l’assistenza e rendere la Pediatria un ambiente accogliente non solo per i bambini, ma anche per le loro famiglie: questo l’obiettivo della Favola di Pediatria, condiviso dai suoi molti sostenitori, tra cui 84 privati cittadini, 40 imprese, 9 gruppi sportivi, 3 istituti di credito, 2 Fondazioni Bancarie, 3 scuole, 2 parrocchie, 5 Centri Sociali del Quartiere Navile, il Rotary Club, i dipendenti URP del Quartiere Reno, il Museo della Figurina Panini di Modena. In particolare, hanno sostenuto il progetto:
– Nordiconad, partner ufficiale, che ha contribuito al progetto con la donazione dell’1% del ricavato di alcuni punti vendita Conad nel mese di novembre 2003, raggiungendo la raccolta di € 69.500,00.
– Rotary Club Bologna, con una donazione di € 7.000,00, finalizzata all’acquisto di attrezzature per la nuova biblioteca/ludoteca prevista dal progetto (verrà affissa una targa).
– Famiglia Bighellini-Ferrari, che attraverso le donazioni da parte di amici e parenti della famiglia, ha raccolto un totale di circa € 10.000,00. L’Azienda USL si è impegnata a intitolare la ludoteca alla bimba Marianna Ferrari, con una targa “L’angolo di Marianna”.

Dei fondi raccolti, € 53.701,00 sono stati investiti al 6° piano dell’ Ala Lunga dell’Ospedale Maggiore, per la ristrutturazione del Pronto Soccorso Pediatrico, dell’OBI (Osservazione Breve Intensiva), del Day Surgery , della ludoteca, nonché per la creazione di un ambiente dedicato al Triage. I lavori hanno interessato un totale di 450 mq e i letti della degenza ordinaria, che prima della ristrutturazione erano collocati nell’ala lunga, sono stati trasferiti nell’ala corta. In particolare, i fondi sono stati investiti per:
– rivisitazione dei locali dell’attuale Pronto Soccorso (apertura porte per accesso barella e carrello di emergenza), e del locale Pronto Soccorso di medicazione ed attesa con nuovi arredi, creazione del triage vicino alla ludoteca-attesa, poiché tale posizione risulta più funzionale;
– rifacimento dello spazio di attesa nella prima parte dell’ala lunga e trasformazione in ludoteca (progettazione di Giampaolo Fiorentini, disegni di Luca Caccioni, decori di Paolo Pelati);
– posizionamenti controsoffittatura e luci (ala lunga, prima parte);
– copertura porte ed armadi a muro con disegni.

L’Area Pediatrica vede la presenza contestuale della U.O. di Pediatria (12 medici), della U.O. di Chirurgia Pediatrica (6 medici) e della U.O. di Neuropsichiatria Infantile (5 medici), per un totale di 23 medici e 26 infermieri. Gli accessi al Pronto Soccorso Pediatrico, alla fine di quest’anno, supereranno i 14.000.
€ 99.451,00 saranno investiti nell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale per l’ampliamento della stessa; nelle adiacenze saranno, inoltre, realizzati anche gli alloggi per le mamme dei bambini ricoverati; saranno infatti ristrutturate 2 camere a 2 letti con bagno e sarà realizzata una zona ristoro per la colazione.

Nell’anno 2006 sono nati 3049 bambini, di cui 120 sono stati ricoverati in Terapia Intensiva Neonatale. Sono 4 i letti nella Terapia Intensiva Neonatale e 8 i letti di Neonatologia.