Home Reggio Emilia Gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche: seminario Unimore

Gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche: seminario Unimore

Immersi quotidianamente nella tecnologia non ci rendiamo conto dell’aumento di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) e di come diventi sempre più importante riciclarli correttamente in modo che non siano dannosi per la salute e per l’ambiente. Da questa necessità nasce il progetto europeo WEEENMODELS, finanziato nell’ambito del programma LIFE +, la cui finalità è la creazione di un nuovo modello di gestione dei RAEE.

Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia è partner del progetto WEEENMODELS, coordinato dal Comune di Genova, ed è l’unico ateneo nel team di ricerca partecipato da Amiu – Azienda Multiservizi e d’Igiene Urbana di Genova, TBridge, società di consulenza, ISW, società di elettricità e Agenzia di sviluppo GAL, società che si occupa della crescita  sostenibile dei territori genovesi.

I promotori del progetto organizzano un seminario mercoledì 20 aprile, alle ore 10.00, presso la sala del Tecnopolo (piazzale Europa 1) a  Reggio Emilia, dal titolo “I rifiuti elettrici ed elettronici: da problema ad opportunità” per fare il punto sullo stato di avanzamento dell’iniziativa.

I RAEE sono composti da elettrodomestici, apparecchiature informatiche, di consumo e di illuminazione, strumenti elettrici ed elettronici, giocattoli e apparecchiature per il tempo libero, dispositivi medici, strumenti di monitoraggio e controllo, distributori automatici e la normativa europea si pone l’obiettivo di raggiungere un efficiente sistema di gestione dei servizi di raccolta. L’obiettivo principale di WEEENMODELS è quello di dimostrare che attraverso l’applicazione di un efficiente sistema logistico di raccolta è possibile  accrescere il ruolo di distributori e trasportatori e sviluppare dell’eco-business. Un corretto riutilizzo dei RAEE permetterebbe infatti di creare nuove opportunità di lavoro, come già avviene in altri paesi che hanno intrapreso politiche di questo tipo.

Grazie all’implementazione del progetto si è studiata la possibilità di realizzare effetti benefici sull’ambiente, riducendo il rischio di smaltimento abusivo di sostanze altamente tossiche e porre le basi per la creazione di un impatto positivo grazie allo sviluppo di nuovi mercati legati al riutilizzo di oggetti e materiali ancora utili.

Nel seminario sarà dedicato ampio spazio all’analisi delle buone pratiche di gestione sostenibile dei RAEE in Europa. Saranno illustrati i risultati degli studi intrapresi, grazie a WEEENMODELS, con particolare attenzione agli effetti sanitari dell’esposizione ambientale e agli effetti occupazionali  nella gestione dei RAEE, all’illustrazione delle possibilità di formazione a distanza, aperta e gratuita promossa da Unimore, fino ai traffici illeciti dei RAEE.

Gli interventi saranno resi disponibili su www.tv.unimore.it  dall’ultima settimana di aprile.