Home Reggio Emilia Polizia municipale, cortometraggio reggiano sull’educazione stradale vince l’Apox Award

Polizia municipale, cortometraggio reggiano sull’educazione stradale vince l’Apox Award

Due cortometraggi reggiani sono stati premiati sabato 9 giugno a Castelfranco Emilia nell’ambito dell’Apox Award, premio cinematografico dedicato alla sicurezza stradale riservato alle scuole superiori. I due filmati vincitori sono stati realizzati durante l’anno scolastico 2017/2018 dai ragazzi del liceo artistico a indirizzo grafico Blaise Pascal insieme al Comando di Polizia municipale cittadino, in collaborazione con l’Ufficio scolastico provinciale, all’interno di un percorso di educazione stradale.

Il concorso, a cui hanno preso parte oltre cento corti prodotti dalle scuole di tutta la Regione, ha visto il mini film “Gli dei dell’Olimpo e la sicurezza stradale” (www.youtube.com/watch?v=dQSnbRKzXNQ&feature=youtu.besalire) sul primo gradino del podio agli Apox Award per l’Emilia Romagna. La giuria, che su venticinque film ha premiato sette corti, ha infatti incoronato come miglior film la pellicola reggiana. Il riconoscimento è stato ottenuto grazie all’originalità dell’idea e alla complessità del montaggio, che unisce tecniche d’animazione e riprese realizzate in classe. Tra i sette corti selezionati, anche il film reggiano “L’ape arcobaleno” (www.youtube.com/watch?v=QokCkfPnx74&feature=youtu.beche) ha ricevuto una menzione speciale per l’ottimo utilizzo della complessa tecnica dello “stop motion” con i pupazzi di plastilina.

A ritirare il premio, consegnato da Orazio Anania, colonnello dei carabinieri e presidente dell’associazione ‘L’arte di Apoxiomeno’, e dal sindaco di Castelfranco Emilia Stefano Reggianini, sono stati Luca Caleffi, professore del Blaise Pascal, Mariella Francia, vice comandate della Polizia municipale di Reggio Emilia, e Antonio Pugliano, tutor dei progetti di educazione stradale per la Municipale reggiana.

Dopo aver ottenuto il primo posto in Regione, il corto rappresenterà l’Emilia Romagna all’interno della rassegna del Premio internazionale Apoxiomeno in programma a Roma il 19 luglio.