» Bologna - Teatro

A settembre la Compagnia del Pratello porta in scena presso Istituto Penale Minorile “Bellinda e Bestia”

Condividi su Google+

Il 5 settembre 2018 l’Istituto Penale Minorile di Bologna apre le porte alla città per il
debutto di BELLINDA E BESTIA. il nuovo spettacolo dei ragazzi della Compagnia del
Pratello, con la regia di Paolo Billi e Elvio Pereira De Assunçao. Per quindici anni (dal 1999 al 2014) a Bologna ogni anno, nel mese di dicembre, 1400 cittadini entravano nel teatro dell’Istituto Penale minorile per assistere allo spettacolo teatrale realizzato dai ragazzi. Dal 2015, nonostante le attività laboratoriali proseguano con costanza, l’evento pubblico è stato sospeso, a causa di problemi di agibilità. Tale sospensione ha comportato la perdita della più importante occasione di incontro tra Istituto Penale Minorile e città che Bologna avesse mai conosciuto. Con il recente restauro della zona verde del carcere (campo sportivo e giardino) si è creata la possibilità di un’apertura alla cittadinanza in occasione del nuovo spettacolo.

BELLINDA E BESTIA. sarà in scena per quattro serate con due compagnie diverse: il 5 e
6 settembre saranno in scena i ragazzi dell’Istituto penale Minorile di Bologna insieme a
due studentesse del Liceo Laura Bassi e due attrici di Botteghe Moliere; mentre il 7 e l’8
settembre saranno in scena i ragazzi dell’Area Penale Esterna, insieme ad un gruppo di
minori stranieri non accompagnati (inseriti nel sistema SPRAR) e due attrici di Botteghe
Moliere.
Si contano almeno quindici metamorfosi della fiaba “La Bella e la Bestia”, senza tener
conto delle trasposizioni cinematografiche. Il Novecento e l’oggi sono attratti da questa
storia, che è stata analizzata e interpretata in modi diversi, e che, allo stesso tempo, si
tende a rendere innocua nel ridurla a fiaba per bambini. E non bisogna dimenticare che
l’archetipo generativo è “Amore e Psiche” di Apuleio.

BELLINDA E BESTIA. attinge a diverse fonti: la fiaba toscana “Bellinda e il Mostro”
trascritta da Italo Calvino, inserita nella raccolta “ Fiabe italiane”; il film di Jean Cocteau
“La Belle e la bete” del 1946; l’opera lirica composta da Philip Glass musicando il detto
film nel 1994. BELLINDA E BESTIA. è uno spettacolo di teatro/danza in cui la
componente visiva ha un ruolo fondamentale nella tessitura complessiva: i disegni di
Carmina Tramite scandiscono in contrappunto le scene, in cui si sviluppa la storia, che si
conclude in modo “inatteso”, rubando il finale alla fiaba popolare. L’impianto scenico è
caratterizzato dalla presenza di tante e diverse porte, che trasformano continuamente lo
spazio in stanze, padiglioni, corridoi e labirinti, dove la presenza femminile è
protagonista giocosa e ironica dei mutamenti, mentre le presenze maschili abitano le
porte, entrano, escono, o sono in attesa, o sbirciano, o fuggono in un dedalo senza fine.
Lo spettacolo conclude un’intensa estate di attività laboratoriali che hanno impegnato i
ragazzi su diversi fronti. Nel mese di giugno e luglio i laboratori di scenografia condotti
da Irene Ferrari al PraT con i ragazzi dell’Area penale esterna; contemporaneamente i
corsi dell’IIPLE all’interno dell’Istituto Penale Minorile condotti da Gazmend Llanaj
nell’ambito di percorsi formativi per l’inclusione socio-lavorativa dei giovani; nel mese di
agosto il laboratorio teatrale diretto da Paolo Billi e da Elvio Pereira De Assunçao con le
due diverse compagnie.

Il progetto si inserisce nel più ampio Stanze di Teatro Carcere 2018 del Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna, l’associazione che riunisce le realtà che operano in carcere con progetti teatrali a Forlì, Parma, Modena, Castelfranco, Reggio Emilia, Ravenna, Ferrara e Bologna, nell’ambito di un Protocollo d’intesa con la Regione Emilia, il Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziarie e il Centro Giustizia Minorile Emilia Romagna e Marche.
Le attività sono sostenute dalla Regione Emilia Romagna, dal Centro Giustizia Minorile
Emilia Romagna e Marche e dal Comune di Bologna, nell’ambito della Convenzione
triennale.
Fondamentali i contributi della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e della
Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, che sostengono le attività con i minori e i
giovani adulti in carico ai Servizi di giustizia Minorile, e il piccolo sostegno di Ottica
Garagnani, che con continuità promuove le attività estive del Teatro del Pratello.
L’evento fa parte di Bologna Estate 2018, il cartellone di attività promosso e coordinato
dal Comune di Bologna.

L’ingresso è subordinato al permesso dell’autorità giudiziaria competente.
Per partecipare è necessario inviare copia di un documento di identità a teatrodelpratello@gmail.com e attendere conferma dell’avvenuta autorizzazione.
E’ fondamentale presentare richiesta con congruo anticipo.
Ingresso unico 10 euro

FB Teatro del Pratello – www.teatrodelpratello.it




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Bologna2000.com supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2018
· RSS PAGINA DI BOLOGNA · RSS ·
• 14 query in 0,881 secondi •