Home Bologna Lavori di potenziamento dell’infrastruttura ferroviaria fra Pianoro e Prato

Lavori di potenziamento dell’infrastruttura ferroviaria fra Pianoro e Prato

La linea Bologna – Prato, cuore del Corridoio europeo Scandinavia – Mediterraneo, al centro di importanti lavori di potenziamento per adeguarne le caratteristiche agli standard previsti dalla rete europea per il traffico delle merci.

Dalle 16.00 di sabato 9 marzo fino alle prime ore del mattino di lunedì 11, sarà sospesa la circolazione ferroviaria fra le stazioni di Pianoro e Prato, per consentire alle squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) di realizzare attività di impermeabilizzazione di ponti ferroviari e sostituzione delle traverse nella Grande Galleria dell’Appennino – tra Vernio e San Benedetto Val di Sambro – con posa di cunicoli funzionali al rinnovo tecnologico degli impianti. Contestualmente verranno realizzati saggi per le future attività di fresatura della volta della galleria.

Complessivamente saranno oltre 100 i tecnici al lavoro e 10 i mezzi d’opera che verranno utilizzati.

Per consentire l’operatività dei cantieri, i treni Regionali saranno cancellati e il servizio garantito da un servizio di autobus; previste anche modifiche ai treni di lunga percorrenza. Il nuovo orario, in vigore esclusivamente nei giorni e nelle ore di interruzione della linea, è già consultabile su trenitalia.com dove, digitando stazione di partenza, arrivo e data del viaggio è possibile consultare in automatico l’offerta alternativa.

Invariato il servizio sulla linea AV Bologna – Firenze.

I lavori in corso dal pomeriggio di sabato 9 alle prime ore del mattino di lunedì 11 marzo fanno parte di un piano di attività più ampio, che in questa prima fase comprende anche attività notturne – già iniziate senza ripercussioni sul traffico ferroviario – nonché ulteriori due interruzioni di linea nel primo semestre del 2019 (6/8 aprile e 11/13 maggio) e tre nel secondo semestre dell’anno – due week end (15/17 giugno, 6/8 luglio) e tre settimane continuative (10 agosto – 2 settembre).

In questo modo sarà possibile garantire una adeguata velocità di avanzamento dei lavori, riducendo il più possibile le ripercussioni sul traffico regionale, in particolare pendolare.

L’adeguamento della linea agli standard infrastrutturali previsti dalla rete europea per il traffico delle merci garantirà il collegamento dei porti dell’area logistica costiera toscana e del sistema logistico e portuale emiliano-romagnolo con il centro e il nord dell’Europa, ma complessivamente tutto il traffico ferroviario ne beneficerà, in termini di maggiore regolarità del servizio, potenzialità della linea e miglioramento dell’accessibilità e del comfort delle stazioni.