Home Lavoro Lavoro, disoccupazione in calo in regione. Bevilacqua (Ugl): sforzo maggiore per recuperare...

Lavoro, disoccupazione in calo in regione. Bevilacqua (Ugl): sforzo maggiore per recuperare gli “inattivi”

Alla vigilia del 1° maggio l’Istat ha diffuso gli ultimi dati (riferiti a marzo) sul lavoro in Italia. La percentuale di occupati è in lieve crescita (+0,3% rispetto a febbraio) e in calo il tasso   di disoccupazione che passa dal 10,5% al 10,2%, prima della crisi (nell’aprile 2007) era al 5,8%. Ma la stima   complessiva degli inattivi tra i 15 e i 64 anni è ancora elevata  al 34,3% per il terzo mese consecutivo, con una diminuzione tra i minori di 34 anni e un aumento tra gli over 35. “In Emilia-Romagna la  disoccupazione continua a scendere, grazie anche alle politiche di concertazione elaborate all’interno del   Patto per il lavoro, sottoscritto con Province, Comuni,  sindacati, soggetti datoriali e professionali, Terzo settore, Unioncamere, Abi, Ufficio scolastico regionale e Università. Ma non basta, si deve fare ancora di più per raggiungere l’obiettivo: piena occupazione”: afferma in una nota  Tullia Bevilacqua , segretario generale regionale Ugl Emilia-Romagna. In Italia rimane endemico il problema della  disoccupazione, con   quasi 3 milioni (2 milioni 771mila a febbraio)  in cerca di occupazione. Il tasso di disoccupazione giovanile, in particolare, si attesta al 32,8%  quasi 14 punti in più della pre-crisi, nel  febbraio 2007, infatti, era al 19,4%. Secondo  Eurostat, il nostro Paese è terzo in Europa per tasso di disoccupazione  complessiva dopo Grecia (18,0%)  e Spagna (13,9%). Ma nel raffronto fra le 280 regioni dell’Unione europea il Nord Italia figura bene, con le province autonome di Bolzano (con  il 9,2%) e Trento (con il 15,3%) e con Emilia-Romagna (con il 17,8%), Lombardia (20,8%) e Veneto (21%) che vantano i tassi di disoccupazioni giovanile  decisamente inferiori alla media italiana. “In sede di Patto per il lavoro, come sindacato Ugl abbiamo sempre sostenuto la necessità di moltiplicare gli investimenti in qualificazione professionale, formazione, e sostegno alle imprese per la nuova occupazione. C’è la nostra massima attenzione sui  risultati che dovrebbero sortire i 25 milioni di euro stanziati per far decollare  il nuovo Piano per la Rete attiva per il lavoro, per dare nuovi servizi ai  disoccupati, e favorire i processi di innovazione e qualificazione delle imprese e dei manager e dei professionisti che le dirigono. Ma è necessario rafforzare il programma per il recupero dei cosiddetti “inattivi” ovvero coloro che non soltanto non svolgono un’attività lavorativa, ma non la cercano nemmeno;  non ha più la capacità di reagire e si avvicinano al baratro dell’emarginazione sociale, oltre che economica”: aggiunge Tullia Bevilacqua. E se il quadro congiunturale dell’Emilia-Romagna si avvicina ai migliori standard europei si attendono anche gli effetti del cosiddetto   ‘decreto crescita’ approvato dal Consiglio dei Ministri la settimana scorsa: “C’è l’auspicio che questo provvedimento  possa fornire un ulteriore impulso alla ripresa dell’economia in generale ed all’aumento dei posti di lavoro in ogni regione d’Italia, i primi segnali  sull’occupazione e  Pil  nel 1° trimestre del 2019 fanno sperare che si sia imboccata la giunta direzione giusta”:  dichiara  il segretario dell’ Ugl Emilia-Romagna Tullia Bevilacqua.