Home Appennino Bolognese Un servizio a chiamata per migliorare il Trasporto pubblico in Appennino

Un servizio a chiamata per migliorare il Trasporto pubblico in Appennino

Un servizio di trasporto a chiamata in Appennino per incrementare il Trasporto pubblico e collegare meglio sia le frazioni con la stazione e i centri maggiori sia le località turistiche.

È questo uno degli obiettivi del progetto europeo SMACKER, finanziato dalla Commissione Europea con 2,1 milioni di euro che ha preso il via a Bologna nei giorni scorsi.

Seguendo il percorso dettato dal Piano Urbano della Mobilità Sostenibile di Bologna Metropolitana-PUMS, il progetto studierà le problematiche di mobilità delle aree periferiche e rurali e attuerà azioni di promozione di servizi di trasporto pubblico flessibili per il collegamento dei sistemi locali e regionali ai principali corridoi e nodi di trasporto.

 

SMACKER è coordinato da SRM Reti e Mobilità – l’Agenzia per la mobilità e il trasporto pubblico locale del Comune e della Città metropolitana di Bologna – e vede coinvolti nove partner da sei paesi europei.

A livello locale, la SRM avvierà, in collaborazione con ITL (l’Istituto sui Trasporti e la Logistica), un progetto pilota che interesserà l’area dei comuni montani dell’Alto Reno e che – seguendo e sviluppando gli obiettivi del PUMS – vedrà da un lato una serie di misure di promozione della mobilità sostenibile rivolte a residenti, turisti e attività commerciali, dall’altro sarà pianificato e sperimentato un servizio di trasporto a chiamata finalizzato a incrementare i servizi attualmente offerti e garantire un livello di servizio ottimizzato sull’intera giornata. L’avvio del progetto pilota è previsto nel corso del 2020.

 

I partner del progetto SMACKER si sono riuniti per la prima volta a Bologna in occasione dell’incontro di lancio il 7 e 8 maggio scorso. L’incontro è stato l’occasione per avviare la cooperazione transnazionale fra i nove partner provenienti da sei paese europei (Italia, Austria, Slovenia, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia) e condividere gli obiettivi e le aspettative legati al progetto.

 

Il progetto, di durata triennale, beneficerà di un finanziamento complessivo dal programma Central Europe di 2.1 milioni di euro e vedrà l’implementazione di 6 azioni pilota.

SMACKER aiuterà le comunità locali a riprogettare i servizi di trasporto in base alle esigenze degli utenti, tramite un processo di co-progettazione coordinato fra partner e stakeholder locali/regionali; inoltre favorirà l’utilizzo dei nuovi servizi di trasporto tramite campagne motivanti e incentivanti. I beneficiari diretti delle azioni saranno i residenti, i pendolari e i turisti. SMACKER sarà anche sinonimo di innovazione grazie all’introduzione di azioni di nudging e gamification e all’utilizzo di tecnologie informatiche.