Home Cronaca Non rispetta l’alt dei carabinieri e crea il panico tra gli automobilisti....

Non rispetta l’alt dei carabinieri e crea il panico tra gli automobilisti. Arrestato a Cavriago

Ha creato il panico tra gli automobilisti in transito nella zona di Corte Tegge di Cavriago, rischiando più volte di collidere con altri veicoli. Ieri sera, una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia ha intimato l’alt ad un autocarro in transito in via Prati Vecchi. Il conducente del mezzo in un primo momento si è accostato ma poi, alla vista del militare che si era avvicinato alla cabina, ha ripreso repentinamente la marcia rischiando di investirlo. Immediato l’inseguimento della pattuglia dell’Arma che ha trovato non poche difficoltà nel fermarlo nuovamente visto che l’autista dell’autocarro, per evitare di essere affiancato dall’autoradio, ha preso a circolare al centro della strada e addirittura contromano, creando non pochi rischi alle altre autovetture in transito.

L’intervento dei colleghi della stazione di Cavriago, inviati in ausilio dalla Centrale Operativa di Reggio Emilia nel frattempo avvisata di quanto stava accadendo, ha consentito di sbarrare la strada al mezzo pesante riuscendo così finalmente a fermarlo. Il conducente, non pago del pericolo che aveva arrecato agli utenti della strada ed agli stessi militari, una volta avvicinato da questi ha pensato bene di opporsi al controllo usando violenza su uno di loro che lo stava invitando a scendere dal veicolo, rifiutandosi inoltre di farsi identificare. Riusciti ad immobilizzarlo e posto in sicurezza l’autocarro, gli uomini dell’Arma hanno avviato i controlli sull’uomo, trovato in possesso di un cutter il cui porto nella circostanza non era giustificato, e sullo stesso mezzo. Accompagnato in caserma e riportatolo alla calma, quindi, si è proceduto alla sua identificazione ed alla contestazione dei reati di resistenza e lesioni ad un pubblico ufficiale, posto abusivo di oggetti atti ad offendere e rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale. Fatti per i quali è stato tratto in arresto e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria reggiana. Il cutter è stato posto sotto sequestro.