Home Sport Calcio: Serie A, Modena – Parma 2-2

Calcio: Serie A, Modena – Parma 2-2

Non si sa dove il Parma abbia
trovato la forza per correre fino all’ ultimo secondo sulla
fanghiglia del Braglia e per guadagnarsi alla fine il pareggio
nonostante fosse alla quinta partita in 15 giorni. Mercoledì
sera aveva giocato in Turchia per la Coppa Uefa. Ha attaccato
per mezz’ora e ha trovato il gol contro un Modena che
fisicamente non c’ era più e che forse non sapeva replicare
perché Malesani nel finale aveva tolto Makinwa per inserire un
difensore. Quel Pavan che poi ha marcato in maniera troppo
morbida Ferrari sul gol del 2-2.

Anche a quel punto l’ allenatore del Modena ha messo dentro
non un attaccante ma una mezza punta come Limberski. Una bella
svolta per un tecnico che fino a domenica scorsa giocava con tre
punte e che sorprendendo tutti contro il Parma si è affidato a
Makinwa e a un Kamara che non giocava dall’ inizio da due mesi
(e che ha combinato ben poco) lasciando fuori i titolari
Marazzina e Amoruso. Nuovo quindi anche il modulo 4-4-2 con
Domizzi (tra i migliori) e Vignaroli esterno.

La partita è stata comunque ben combattuta, divertente,
vivacizzata dai quattro gol, da due pali da due reti annullate
(con le due squadre pari in tutto) e giocata a buon ritmo
nonostante il pessimo terreno.
Il Parma è partito forte con due occasioni nel giro di pochi
minuti, merito di un ottimo Gilardino che sulla seconda
palla-gol ha saltato in velocità Cevoli ma ha trovato il palo.
Il Modena si è fatto vivo in avanti solo dopo 20′ e al 32′
ha pareggiato il conto dei pali: con Makinwa, bravo a calciare
su una punizione di Domizzi ma sfortunato nel trovare il legno.
Al 42′ il primo vantaggio: ancora punizione di Domizzi, sempre
sul secondo palo, e tiro vincente di Pivotto. Prima del riposo
c’ è stato il pareggio per un presunto fallo di Grandoni su
Gilardino, non visto da Pieri ma segnalato dall’ assistente Papi
tra le proteste modenesi. Gilardino si è meritato la rete
angolando bene il tiro. Dopo 36″ l’ azzurro della Under 21 è
andato ancora in gol ma Pieri ha annullato per fuorigioco.
>bR>
Nella ripresa, dopo 4′, c’è voluta una gran parata di
Zancopé per evitare un altro gol dello scatenato Gilardino.
Dopo 9′ si è equilibrato anche il conto dei gol annullati
(fuorigioco di Vignaroli su una mischia) ma dopo 15′ si è
spareggiato il risultato grazie ancora a Domizzi che ha vinto di
forza un rimpallo trovandosi davanti a Frey, superato con un
rasoterra. Dopo è stato tutto Parma, con Prandelli che ha
azzeccato i due cambi, trovando un buon contributo soprattutto
dal giovane romeno Zico. Ma il protagonista primo è stato
Ferrari, costantemente in avanti e vicino al gol in due
occasioni, di testa e di piede, prima del giusto pareggio. Zicu
ha battuto la punizione e il capitano ha trovato il colpo di
testa vincente. L’ultima palla gol poi è stata ancora del
Parma e Zancopé ha evitato il peggio. Ma il Modena non avrebbe
meritato di perdere. Però la sua classifica resta molto
pericolosa. Nelle ultime 16 partite ha vinto una volta.