Home Modena Permessi soggiorno: Cisl Modena approva direttiva Viminale

Permessi soggiorno: Cisl Modena approva direttiva Viminale

“Finalmente è stata introdotta una regola elementare per garantire i diritti degli stranieri che hanno in corso il rinnovo del permesso di soggiorno: chi attende il rinnovo del permesso ha gli stessi diritti di chi ha in tasca un permesso ancora valido”. Lo afferma il responsabile dell’ufficio stranieri della Cisl di Modena, Giuseppe Potenza, commentando positivamente la direttiva emanata l’altro ieri dal Ministero dell’Interno.

Il Viminale ha stabilito che nel periodo necessario all’amministrazione statale per portare a termine le procedure di rinnovo, lo straniero potrà contare sulla piena legittimità del soggiorno e continuerà a godere dei diritti a esso connessi. “Questo significa – spiega Potenza – che i cittadini stranieri potranno finalmente cambiare lavoro, stipulare un contratto d’affitto, conseguire la patente di guida, tornare in patria e poi rientrare in Italia. Insomma potranno fare tutto quello che era loro concesso prima di presentare la domanda di rinnovo e non preoccuparsi più di quanto tempo ci metterà la Questura a sbrigare la loro pratica. Pratica che alla Questura di Modena può richiedere fino a otto-nove mesi, come abbiamo denunciato anche in occasione della biciclettata del 1° luglio scorso a favore dei diritti degli immigrati”.

Potenza ricorda che l’ufficio stranieri della Cisl di Modena, che sarà chiuso dall’11 al 20 agosto compresi, aiuta gli immigrati a predisporre i documenti per i permessi di soggiorno, la cittadinanza italiana, i ricongiungimenti familiari, i visti, e offre ogni tipo di consulenza che riguarda gli stranieri. Tornando alla direttiva del Vicinale, l’ufficio stranieri della Cisl precisa che per continuare a godere dei diritti prima menzionati il Ministero dell’Interno stabilisce che la domanda deve essere stata presentata prima della scadenza del permesso di soggiorno o entro sessanta giorni; deve essere stata verificata la completezza della documentazione; deve essere stata rilasciata dall’ufficio la relativa ricevuta. Gli effetti dei diritti esercitati cesseranno in caso di mancato rinnovo, revoca o annullamento del permesso.