Home Musica I Concerti della via Lattea

I Concerti della via Lattea

Riparte da Correggio oggi, i Concerti della via lattea, la rassegna di musica classica giunta alla quinta edizione che propone musica
nei caseifici delle provincie di Reggio, Parma, Modena.


Oggi, alla latteria “Nuova Mandrio” di Correggio (via Mandrio 48, tel. 0522 699497), la prima delle 19 serate della rassegna che terminerà a settembre, è affidata al duo Andrea Oliva-Marta Cencini che vedrà esibirsi il flauto solista dell’orchestra sinfonica di Santa Cecilia assieme alla pianista fiornetina. In programma a partire dalle 21, Mozart, Enesco, Poulenc, Morlacchi, Piazzolla, Taffanel.
Domenica 10, a partire dalle 21, i concerti della via Lattea si sposterà a
Quattro Castella, più precisamente alla latteria Matilde di Canossa (via Fratelli Cervi, 16 Montecavolo) dove si esibirà Ensemble in indirizzo, il quartetto formato da tenore, flauto, clarinetto e chitarra. Il programma in questo caso prevede musiche di Kreutzer, Giordani, Gluck, Muller, Muller,
Bach, Borne-Bizet.

Musica classica e formaggio Parmigiano-Reggiano, un binomio da scoprire. Un abbinamento che a prima vista può sembrare alquanto azzardato.
Ma è proprio il forte contrasto tra la raffinatezza e l’eleganza di un “evento” quale il concerto e la sobrietà e la genuinità di un luogo come una
sala di produzione tra vasconi in rame o una sala di stagionatura tra scaffalature con le forme di Parmigiano-Reggiano accatastate, che colpisce e
incuriosisce il pubblico.

Elementi portanti del progetto sono il fare cultura e la scoperta di luoghi densi di valori tipici della nostra terra come possono essere le latterie
dell’Emilia. Muoversi tra l’armonie musicali e le forme del Parmigiano-Reggiano vuol dire
ripercorrere attraverso la musica l’idea di un viaggio, un percorso che parte dalle malghe sperdute sugli Appennini fino ad arrivare nelle latterie di campagna della bassa, avvolte nella torrida calura estiva. A proposito di
calura: cosa c’è di più bello che passare un’ora seduti nel fresco di un magazzino di stagionatura nelle torride serate d’estate immersi tra armonie
di suoni e profumi.