Home Appennino Modenese Lama Mocogno, la “Sagra del Parmigiano Reggiano” per esorcizzare la crisi

Lama Mocogno, la “Sagra del Parmigiano Reggiano” per esorcizzare la crisi

Il prossimo fine settimana la 5^ edizione della manifestazione dedicata al re dei formaggi con mercatini, degustazioni, lancio della forma, giochi e animazioni. Menù a tema nei ristoranti e bar del paese, pacchetti weekend a partire da 35 euro. Il sindaco Serri: “A Lama la crisi del Parmigiano investe l’intero settore agricolo”.


La crisi si fa sentire ma Lama Mocogno cerca di esorcizzarla festeggiando il celebre formaggio prodotto nei suoi caseifici: il Parmigiano Reggiano. La località dell’Appennino modenese ospita il prossimo fine settimana (4-5 ottobre) la 5^ edizione della “Sagra del Parmigiano Reggiano” una manifestazione nata per valorizzare uno dei prodotti simbolo del territorio che quest’anno cade in un momento particolarmente difficile per l’intero comparto.

“Per fronteggiare la crisi del Parmigiano occorrono misure molto più importanti ed incisive – dice Luciana Serri, sindaco di Lama Mocogno – siamo però convinti che anche una manifestazione come la nostra possa dare un contributo per trovare soluzioni e soprattutto possa rendere tutti consapevoli di quanto sia importante questo prodotto per l’intera economia della montagna emiliana. Solo a Lama ci sono 3 caseifici e 23 aziende agricole che producono 32mila quintali di latte per la trasformazione del Parmigiano reggiano con centinaia di persone coinvolte. In pratica, tutto il settore agricolo poggia su questo prodotto”.

La 5^ edizione della “Sagra del Parmigiano Reggiano” è organizzata dal Comune di Lama Mocogno con la collaborazione della Provincia di Modena. Due giorni di festa con mercatini, degustazioni, gare di lancio della forma, menù a tema nei ristoranti, visite guidate nei caseifici, prove di taglio, giochi e animazioni per le strade e nelle piazze del paese. Questo il preoframma della manifestazione.

Si comincia sabato 4 ottobre alle ore 9 con l’inaugurazione ufficiale della manifestazione e una sfilata per le vie del paese con la partecipazione del “Gruppo Sbandieratori e Musici di Gallicano”. Subito dopo l’apertura stand espositivi con vendita diretta dei prodotti tipici come parmigiano reggiano, burro, ricotta, aceto balsamico, miele e derivati, patate e prodotti biologici. In programma anche un mercatino dell’artigianato artistico e una dimostrazioni dei tanti mestieri – dal contadino al casaro fino al tagliatore di forme – che ruotano attorno al Parmigiano Reggiano. Alle ore 11, presso la Sala Consiliare “Lornezini”, dibattito “Il ciclo biologico nella produzione del vino di qualità”. Nel pomeriggio, alle ore 14, da non perdere la dimostrazione di lancio della forma da 30 chilogrammi a squadre, lungo la strada Provinciale. Alle ore 15 nell’area ex campo sportivo, esibizione del “Gruppo Sbandieratori e Musici di Gallicano”. Alle 17, il via alla “Gara del taglio della Forma” e dalle 18.30 aperitivi e stuzzichini a tema elaborati dai bar convenzionati.

Domenica 5 si ricomincia alle ore 9 con gli stand e le degustazioni mentre alle 10 apre lo spazio bimbi “Coloriamo il cielo”, con laboratori didattici per bambini, costruzione e volo di mongolfiere. Per tutta la giornata l’associazione il Gruppo Attacchi Valle d’Aosta organizza attività con pony per bambini e giro in carrozza trainata dai cavalli per i più grandi. Alle 10.30, in piazza Cesare Battisti, dimostrazione di cottura del Parmigiano Reggiano a cura del consorzio del Parmigiano Reggiano di Modena. Alle 11.30 al Teatro Aperto La Rotonda, aperitivo musicale “Le quattro stagioni di Vivaldi” con l’orchestra de “I pomeriggi musicali di Milano”. Nel pomeriggio, dalle 15, nell’area ex campo sportivo, 4° rassegna “I giog ad ‘na volta”: sfilata in costume degli atleti con la paretcipazione del Corpo banditico “G Rossini” di Lama Mocogno.

A Tavola con gusto
Nella due giorni della sagra i ristoranti e i bar di Lama offriranno a pranzo e a cena un menù a tema, proponendo piatti e specialità a base di Parmigiano prodotto esclusivamente dai caseifici locali. Si va dai tortelloni burro salvia e Parmigiano, gnocchi al tartufo e parmigiano, ravioli tartufati alla crema di Parmigiano, tortelloni noci e Parmigiano come primi, al filetto e polenta e Parmigiano, coniglio ripieno alla Parmigiana e nodino al parmigiano come secondi.
Tutti coloro che degusteranno il menù proposto dai ristoranti convenzionati riceveranno un omaggio offerto dal Consorzio Parmigiano Reggiano. Nei punti ristoro non mancheranno borlenghi, crescentine, gnocco fritto, frittelle e ciacci di montagna.
Offerte di soggiorno per il weekend
In occasione dell’evento, il Consorzio Valli del Cimone propone vantaggiosi pacchetti weekend a partire da 35 euro a persona. L’offerta comprende la cena a base di prodotti tipici il sabato sera, il pernottamento in hotel e la prima colazione la domenica mattina. Info e prenotazioni: Valli del Cimone tel. 0536/325586, e-mail.
IAT del Cimone – Punto informativo di Lama Mocogno tel. 0536.44475
Ufficio Turistico comunale tel. 0536.44127 – 0536.44066