Home Emilia Da parte di un utente pendolare del servizio ferroviario

Da parte di un utente pendolare del servizio ferroviario

Buongiorno direttore, mi perdoni lo sfogo, ma credo di essere arrivata al limite!
Vivo a Ferrara, ma studio presso l’Università di Bologna: la mia vita da pendolare è già resa difficile dai continui disagi, legati non solo ai continui ritardi dei treni, ma anche all’assoluta mancanza di comfort per i passeggeri: pensi solo che, questa mattina, con una temperatura esterna di 3° C, il riscaldamento era spento!!! Non credo le debba descrivere il freddo patito da noi passeggeri: le basti sapere che il nostro fiato condensava!! A tutto questo, si aggiungono gli scioperi ormai divenuti settimanali e che mi impediscono di frequentare le lezioni!!

Ora, considerato che pago ben 1.500 € di tasse annuali, cui si aggiungono i 54 € di abbonamento mensile del treno, credo di avere il sacrosanto diritto di andare all’Università, senza che mi venga costantemente impedito.

Credo che, a questo punto, non sia molto corretto tirare fuori i diritti degli impiegati delle Ferrovie, che non mi sembrano abbastanza efficienti da meritare di scioperare; prima di creare continuamente disagio a noi passeggeri, che non siamo colpevoli di nulla, credo che dovrebbero cercare di fare il massimo del loro lavoro; cosa che non fanno.

Intanto, domani perderò nuovamente lezione; mi dica lei se si può continuare così!! E’ una
vera vergogna!!!

Mi perdoni lo sfogo, ma sono davvero arrivata oltre il limite di sopportazione.

(lettera firmata)