Home Appennino Modenese Danni maltempo in Appennino: 1mln di euro per sistemare le strade comunali

Danni maltempo in Appennino: 1mln di euro per sistemare le strade comunali

Oltre un milione di euro per i Comuni montani per realizzare piccoli interventi urgenti di sistemazione sulla viabilità comunale dell’Appennino, danneggiata da frane e smottamenti causati dal maltempo. Si tratta di risorse regionali distribuite sulla base delle indicazioni e con il coordinamento della Provincia di Modena che nei giorni scorsi ha approvato il programma degli interventi.

«Siamo riusciti ad ottenere – sottolinea Egidio Pagani, assessore provinciale alle Infrastrutture – più del doppio delle risorse previste in un primo momento per far fronte con maggiore efficacia ai danni ingenti di questo ultimo periodo che si sono aggiunti a quelli della primavera scorsa. La Provincia sta intervenendo con uno sforzo finanziario straordinario sulla rete di strade provinciali, ora anche i Comuni potranno realizzare ulteriori lavori di manutenzione potendo contare su queste risorse aggiuntive».

Con un contributo per ogni singolo intervento che parte da un minimo di 52 mila euro fino a un massimo di 67 mila euro, saranno effettuati lavori di sistemazione lungo la comunale Fondovalle Dolo a Frassinoro, la strada del Lago Santo a Pievepelago, via Fontanaccia a Pavullo, lungo la comunale di Ospitale a Capanna Tassone a Fanano, la strada comunale di Iola a Montese, la comunale Borra-Sassostorno a Lama Mocogno, a Casola di Montefiorino, via Villabianca a Marano, via Pescarolo a Prignano, via Groppo a Riolunato, via Castello Brandola a Polinago, la strada di Cento Croci a Palagano, via Pazzano a Serramazzoni, la comunale di Spinedola a Sestola, la comunale Selvelle a Casalino di Fiumalbo, via Fontana a Montecreto, via Frignani a Zocca e via Nicola-Samone a Guiglia.

Intanto la Provincia sta concludendo la progettazione di un altro intervento sulla strada provinciale 324 del passo delle Radici vicino a Riolunato minacciata da una frana. Per scavalcare il movimento franoso sarà realizzata una struttura in calcestruzzo sostenuta da fondazioni profonde con un investimento complessivo di oltre un milione di euro. I lavori partiranno prima dell’estate. La circolazione nel tratto avviene ora a senso unico alternato.