M’illumino di meno… a Castel Maggiore!






    m-illumino-di-meno-2016La campagna M’illumino di meno, lanciata per la prima volta nel 2005 dalla trasmissione radiofonica Caterpillar, ritorna anche quest’anno per sensibilizzare il pubblico italiano sui consumi energetici e la mobilità sostenibile, ed in particolare la bicicletta, mezzo che viene candidato al premio Nobel.
    Per queste ragioni l’Amministrazione ha ritenuto opportuno aderire anche quest’anno all’iniziativa offrendo ai bambini dai 6 ai 10 anni uno spettacolo teatrale sul tema del risparmio energetico divertente ma ricco di messaggi e contenuti, e coinvolgendo i due comitati dei genitori del territorio, sensibili alle tematiche legate al rispetto dell’ambiente e già artefici di molte iniziative, il comitato “Piedibus”, promotore di una ormai consolidata esperienza di mobilità sostenibile e l’associazione “I Pedalalenta” protagonista e partner di numerosissime iniziative legate alla promozione del mezzo più tradizionale ma al tempo stesso più moderno di locomozione.

     

    Venerdì 19 febbraio 2016 giornata del risparmio energetico e della mobilità sostenibile: a teatro a piedi e in bici.
    Il programma dell’iniziativa:
    Alle 18.00 al Teatro Biagi D’Antona (Via G.La Pira 54)

    Spettacolo teatrale “Che felicità avere l’elettricità” sul tema del risparmio energetico di Lorenzo Bonazzi – educatore ambientale e divulgatore di Ca’ la Ghironda

    Il teatro sarà raggiunto dai bambini delle scuole primarie a piedi o in bicicletta, partendo da punti di ritrovo concordati con i genitori ed i Pedalalenta. Alla fine dello spettacolo, intorno alle ore 19:00, all’uscita dal teatro verrà spenta l’illuminazione pubblica del settore; verranno distribuite ai bambini torcette di canapa e tutti si raduneranno sulla collinetta antistante il teatro per una piccola coreografia con foto di gruppo ed un saluto.

     

     






    Articolo precedenteRicercatori, per 490 al via l’assunzione in Emilia-Romagna nell’ambito di 40 progetti finanziati dalla Regione con 35 milioni
    Articolo successivo“Lupo: cosa voglio sapere”, il Comune di Villa Minozzo propone un convegno