Aster e Cofiter sostengono le startup nell’accesso a finanziamenti regionali






    Per le startup emiliano-romagnole sarà più facile avere adeguate garanzie e accedere ai finanziamenti regionali, per rinnovare gli impianti, acquistare brevetti e software, o semplicemente partecipare a fiere ed eventi. Cofiter, Confidi Terziario Emilia Romagna, ha stretto un accordo biennale con Aster, consorzio regionale per l’innovazione e la ricerca industriale, con il quale si impegna a concedere alle imprese segnalate da Aster, linee di credito e garanzie, nei limiti delle disponibilità del merito di credito, per finanziarne la costituzione e lo sviluppo.

    L’accordo è stato illustrato questa mattina durante la presentazione del bando della Regione, aperto dal prossimo 21 marzo, per finanziare le piccole e micro imprese innovative che mette a disposizione 6 milioni di euro per progetti di avvio attività (possono accedere imprese costituite dopo il 1° gennaio 2013) o espansione (per imprese costituite dopo il 1° marzo 2011).

    Con i fondi regionali le startup potranno finanziarie non solo l’acquisto di macchinari, licenze, brevetti o attrezzature ma anche le spese di costituzione e di promozione in fiere ed eventi.

    Sono finanziabili anche progetti di sviluppo, come l’acquisizione di sedi produttive, logistiche e commerciali.

    Maggiori dettagli su requisiti di accesso ai fondi e sui progetti finanziabili sono disponibili sul sito di EmiliaRomagnaSTARTUP, gestito da Aster: http://www.emiliaromagnastartup.it/innovative-creative/articoli/2016/01/bando-regionale-il-sostegno-alle-startup-innovative e su www.cofiter.it

     






    Articolo precedenteAl Memo mercoledì si parla di mafia con Mara Fonti
    Articolo successivoArmonie dal mondo: a Novellara arriva il coro di Novy Jicin