prostituzione5Questa mattina il Prefetto di Modena, Michele di Bari ha presieduto una Riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica nel corso del quale è stato affrontato, tra gli altri, il tema del fenomeno della prostituzione in alcune aree del Capoluogo, anche non lontane dal centro, con conseguenti disagi da parte dei residenti.

Il fenomeno, che si rende più evidente nella stagione estiva anche a causa della tendenza da parte dei cittadini a trattenersi fuori casa in ore serali e notturne, è fonte di degrado e determina doglianze, insofferenza e difficoltà a fruire degli spazi e delle aree pubbliche della Città.

Durante la riunione del Comitato è stata condivisa l’esigenza di un’azione sinergica delle Forze di polizia, in collaborazione anche con la Polizia municipale, tesa a porre in essere azioni dissuasive, attraverso servizi straordinari e mirati nelle zone dove maggiormente insiste il fenomeno, senza tralasciare di eseguire accertamenti sui rapporti locativi degli appartamenti dove viene svolta la prostituzione e sugli esercizi pubblici situati nelle aree più fortemente interessate.

Da parte del Sindaco di Modena è stata manifestata la massima disponibilità del dipendente corpo di Polizia municipale nell’impegno comune per il contrasto di una espressione illegale che determina scenari di degrado e di peggioramento della qualità della vita nei quartieri.

Articolo precedenteGrazie al supporto del sistema camerale emiliano-romagnolo, nate 11 nuove imprese e 14 di prossima costituzione
Articolo successivoRicostruzione. Alla firma 150 decreti di contributo alle imprese. Bonaccini: “Stiamo accelerando, entro l’anno chiudiamo le concessioni”