Home Lavoro Patto per il lavoro in Emilia-Romagna. Bevilacqua (Ugl): “Investire di più su...

Patto per il lavoro in Emilia-Romagna. Bevilacqua (Ugl): “Investire di più su welfare e infrastrutture”

Tullia-Bevilacqua-3Si è svolta oggi, a Bologna, alla presenza dell’assessore regionale alla ricerca , sviluppo e Lavoro, Patrizio Bianchi , e del Presidente della Regione Emilia-Romagna , Stefano Bonaccini, l’ incontro per la verifica del “Patto per il Lavoro”, firmato il 20 luglio 2015. 

“Apprezziamo – dichiara Tullia Bevilacqua , segretario regionale della Emilia-Romagna del sindacato Ugl – , la condivisione del percorso che ha portato alla firma e alla verifica del Patto. I risultati relativi alla crescita di questa regione in termini occupazionali, seppure non si possa parlare di grandi numeri, fanno ben sperare”.

Il segretario Ugl aggiunge che, comunque, la vocazione internazionale di questa regione: “non può non tenere conto della situazione geopolitica in ordine alla quale è impossibile fare alcuna previsione”.

“Auspico – prosegue Tullia Bevilacqua – che si prosegua con gli investimenti e che l’Emilia Romagna possa attrarre sempre più nuovi insediamenti industriali”.

La richiesta dell’ Ugl Emilia-Romagna e’ che, in questo scenario, gli istituti bancari svolgano finalmente il loro ruolo di finanziatori anche alle piccole e medie imprese, che sono la maggioranza in regione: “inutile lamentarsi della eccessiva liquidità se poi i prestiti a famiglie e imprese sono erogati con il sistema del “contagocce”: e’ il pensiero di Bevilacqua.

La nota positiva evidenziata dall’Ugl è l’impegno di spesa dei fondi Europei che rende questa regione un esempio virtuoso da seguire.

Mentre welfare ed infrastrutture sono punti  fondamentali su cui investire anche per la tenuta sociale del sistema regionale, settori che, dal punto di vista degli investimenti economici, devono essere prioritari.

Il giudizio finale dell’ Ugl Emilia-Romagna e’ che: “La condivisione e il confronto costruttivo, come in questo caso, siano essenziali per la crescita e lo sviluppo del territorio: non mi pare si possa dire la stesso cosa per il livello nazionale”: conclude Tullia Bevilacqua.