Home Reggio Emilia Luca Quintavalli ha tagliato il nastro della 150^ Fiera Bibbiano Produce

Luca Quintavalli ha tagliato il nastro della 150^ Fiera Bibbiano Produce

La storica manifestazione Bibbiano Produce, giunta quest’anno alla sua 150^ edizione, ha visto la graditissima presenza di Luca Quintavalli, presidente della Reggio Audace Football Club. “La presenza del Presidente Quintavalli – ha dichiarato il sindaco Carletti – che stimiamo come imprenditore e come uomo, ci onora e ci lusinga. Nonostante i molteplici impegni, Luca ha raccolto con entusiasmo il nostro invito, confermando il suo amore per Bibbiano, per la fiera e per la comunità. Bibbiano non gli ha fatto mancare l’abbraccio simbolico di una comunità nei confronti di chi ha contribuito, con coraggio e passione, a risollevare le sorti della nostra Régia”.

Come da tradizione, subito dopo l’inaugurazione, c’è stata la premiazione dei nuovi “Donna Imprenditrice” o, per meglio dire, donne imprenditrici, dal momento che il premio se lo sono aggiudicate Noemi Romanazzi e Rosita Trolli del negozio No.Y di Via Venturi e “Giovane Imprenditore” di Bibbiano. Anche in questo caso, ad essere insignita del titolo una donna, Valeria Ferrari, titolare della Toelettatura “Dogville” a Corniano. Anche quest’anno, poi, si svolte le premiazioni dei donatori Avis: un riconoscimento importante nei confronti della solidarietà. La 150^ edizione della fiera si è arricchita di una sorta di simbolico “gemellaggio”, nato grazie al significativo contributo dell’amico bibbianese Lauro James Garimberti, che ha unito i Comuni di Bibbiano e Lavis, in provincia di Trento, presente in fiera con un proprio stand, gestito dalla Proloco trentina. Tra degustazioni di prodotti tipici e l’accompagnamento della banda musicale del paese, composta da ben trenta elementi si è respirata un po’ d’atmosfera trentina . Era presente anche il sindaco, Andrea Brugnara, il quale si è dichiarato piacevolmente colpito dell’accoglienza dei bibbianesi e ha rimandato a nuove, belle, opportunità di incontro, scambio culturale e confronto tra le due comunità.