Home Bologna L’indice dei prezzi al consumo nel mese di marzo a Bologna

L’indice dei prezzi al consumo nel mese di marzo a Bologna

Nella città di Bologna per il mese marzo 2019 l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività, al lordo dei tabacchi, ha fatto registrare una variazione mensile del +0,3% e un tasso tendenziale in calo al +1,4%. In marzo i maggiori aumenti su base annua si sono registrati nelle divisioni “Bevande alcoliche e tabacchi” (+3,8%), “Altri beni e servizi” (+3,8%), “Abitazione, acqua elettricità e combustibili” (+2,8%), “Servizi ricettivi e di ricreazione” (+2,6%), “Prodotti alimentari e bevande analcoliche” (+2,1%); viceversa i prezzi sono diminuiti per le divisioni “Comunicazioni” (-7,8%), Abbigliamento e calzature” (-0,4%), “Ricreazione, spettacoli e cultura” e “Mobili, articoli e servizi per la casa” (entrambe al -0,1%). Stabile l’inflazione dei Beni (+1,6%), mentre risulta più contenuta quella dei Servizi che scende al +1,3%. La componente di fondo, che esclude gli alimentari e i prodotti energetici, scende al +0,7%. In lieve aumento i tassi tendenziali dei prodotti acquistati con maggior frequenza (da +1,9% a +2%); in crescita meno accentuata i prezzi dei prodotti a bassa frequenza di acquisto (da +1,4% a +1,3%) e anche quelli dei prodotti a media frequenza di acquisto (da +1,3% a +1%). Prodotti alimentari e bevande analcoliche A marzo la divisione dell’alimentazione fa segnare una variazione mensile negativa del -0,9%. In calo il prezzo dei Vegetali (-6,3%), del Caffè, tè e cacao (-2,2), della Frutta (-1,8%), dei Pesci e prodotti ittici (-0,9%), e quelli dei Prodotti alimentari n.a.c (-0,2%). Le classi in aumento rispetto a febbraio risultano quelle delle Acque minerali, bevande analcoliche, succhi di frutta e verdura (+4%), degli Oli e grassi (+1%), dello Zucchero, confetture, miele, cioccolato e dolciumi (+0,6%), delle Carni (0,2%) e del Latte, formaggi e uova (+0,2%), mentre restano stabili rispetto al mese precedente i prezzi della classe Pane e cereali. Il tasso tendenziale rallenta e si porta dal +3,0% del mese di febbraio al +2,1% per il mese di marzo. Bevande alcoliche e tabacchi La variazione dei prezzi rispetto al mese precedente è positiva per i Tabacchi (+1,3%), per gli Alcolici (+0,5%) e per i Vini (+0,3%); risulta negativa per le Birre (-1,1%) La variazione mensile si conferma al +0,8%, mentre rallenta la crescita del tasso tendenziale che si porta al +3,8%. Abbigliamento e calzature Per questa divisione il mese di marzo registra una variazione mensile negativa di -0,1%, il tasso tendenziale cala ulteriormente al -0,4%. Abitazione, acqua, energia elettrica e combustibili Sono negative le variazioni di costo degli Altri servizi per l’abitazione n.a.c., mentre risultano positive quelle dei Combustibili solidi, degli Affitti reali per l’abitazione e quelle dell’Energia elettrica. Nulla la variazione di prezzo della Fornitura acqua, del Gas, del Raccolta rifiuti e della Raccolta acque di scarico. La variazione mensile scende al -0,1 %, e il tasso annuo si porta dal +2,9% di febbraio al +2,8% di marzo. Mobili, articoli e servizi per la casa Crescono i prezzi dei Beni non durevoli per la casa e quelli dei Piccoli utensili ed accessori vari. Le riduzioni di prezzo riguardano la Cristalleria, stoviglie e utensili domestici, i Grandi apparecchi domestici elettrici e non e i Piccoli elettrodomestici. Nulle le variazioni per le altri componenti della classe. La variazione mensile è nulla e quella tendenziale scende al -0,1%. Servizi sanitari e spese per la salute In rialzo i prezzi delle Attrezzature ed apparecchi terapeutici, quello degli Altri prodotti medicali e quelli dei Prodotti farmaceutici. Nulle le variazioni di prezzo dei Servizi paramedici, quelli dei Servizi ospedalieri, dei Servizi dentistici e dei Servizi medici. La variazione mensile è stabile al +0,1% e quella tendenziale è in aumento al +0,8%. Trasporti La divisione fa segnare una variazione mensile in significativo aumento (da +0,4% a 1,6%). In aumento principalmente i prezzi del Trasporto aereo passeggeri, dei Carburanti e lubrificanti per mezzi di trasporto privati, del Trasporto marittimo e per vie d’acqua interne e quelli del Trasporto passeggeri su rotaia. Nulle le variazioni di prezzo per le Biciclette, per l’Acquisto di altri servizi di trasporto e per il Trasporto passeggeri su strada. Il tasso tendenziale sale dal +0,4% di febbraio al +1% di marzo. Comunicazioni La divisione fa segnare una variazione mensile positiva pari al +0,8%. Il tasso tendenziale rimane negativo (-7,8%). In aumento i prezzi degli Apparecchi telefonici e telefax e quelli dei Servizi postali, in calo i prezzi dei Servizi di telefonia e telefax. Ricreazione, spettacolo e cultura I principali aumenti si registrano nella classe dei Supporti di registrazione, in quella dei Giochi, giocattoli e hobby, degli Apparecchi fotografici e cinematografici e strumenti ottici, dei Servizi culturali, degli Articoli di cartoleria e materiale da disegno e in quella dei Giornali e periodici. In calo principalmente i prezzi degli Apparecchi di ricezione, registrazione e riproduzione di suoni e immagini, quelli dei Pacchetti vacanza, degli Apparecchi per il trattamento dell’informazione, degli Articoli per giardinaggio, piante e fiori e quelli degli Animali domestici e relativi prodotti. Il tasso mensile scende al -0,6% e quello annuo rimane negativo al -0,1%. Istruzione Stabili i costi dell’istruzione. La variazione tendenziale rimane pari al +0,9%. Servizi ricettivi e di ristorazione In aumento i prezzi dei Servizi di alloggio, stabili quelli della classe Ristoranti, bar e simili e delle Mense. La variazione mensile passa al +1,4% dal +1,9% di febbraio, quella annua passa dal +3,2% di febbraio al +2,6% di marzo. Altri beni e servizi In calo i prezzi della classe Apparecchi elettrici per la cura della persona e quelli dei prezzi delle Assicurazioni sui mezzi di trasporto; in aumento invece principalmente i prezzi degli altri apparecchi non elettrici, articoli e prodotti per la cura della persona e quelli degli Altri effetti personali. In aumento il tasso mensile che risulta pari al +0,2% e quello tendenziale che sale al +3,8%.