Home Bologna La nuova “mappa” dei comuni della città metropolitana di Bologna dopo le...

La nuova “mappa” dei comuni della città metropolitana di Bologna dopo le elezioni amministrative del 26 maggio

Le elezioni amministrative del 26 maggio hanno interessato 46 comuni della città metropolitana di Bologna su 55 (pari al 48,2% della popolazione metropolitana). In città metropolitana hanno votato il 71,3% degli aventi diritto, in calo rispetto al 2014 (74,6%); l’affluenza maggiore si è registrata a San Benedetto val di Sambro con il 76,25%, quella minore a Monterenzio dove si è recato a votare solo il 65,55% degli elettori.

Dei 46 comuni in cui si è votato – spiega una nota – il centrosinistra si è confermato in 37 comuni, il centrodestra a Monzuno e Sant’Agata Bolognese e i civici a San Benedetto Val di Sambro. Hanno cambiato “colore” solo 5 comuni: 3 sono passati dal centrosinistra al centrodestra (Galliera, Monterenzio, Vergato) e due sono passati dal centrodestra a liste civiche (Loiano e Castel d’Aiano).

Tutti i sindaci sono stati eletti al primo turno tranne a Molinella dove si andrà al ballottaggio il 9 giugno tra il sindaco uscente Dario Mantovani (49,45% al primo turno) e Marco Stegani (centrodestra, 36,04% al primo turno).

Negli altri 8 comuni con popolazione maggiore di 15.000 abitanti è stato eletto un sindaco di centrosinistra.

La colorazione politica delle amministrazioni comunali in città metropolitana vede quindi ora la presenza di 39 amministrazioni locali riconducibili allo schieramento di centrosinistra (erano 43), 8 riconducibili al centrodestra (erano 7), 6 sostenute da liste civiche (erano 4) e 1 guidata dal Movimento 5 Stelle (Imola) mentre Molinella è da “assegnare” – aggiunge la nota dell’ufficio stampa Città metropolitana di Bologna.

 

Altri numeri

In termini di popolazione Casalecchio di Reno (36.456 abitanti) e Castel d’Aiano (1.865 abitanti) sono rispettivamente il comune più grande e quello più piccolo nei quali si è votato.

Il sindaco più votato (competizione con almeno due candidati) è Alessandro Santoni a San Benedetto val di Sambro con l’81,44% delle preferenze, seguito da Isabella Conti a San Lazzaro di Savena con l’80,84% per quanto riguarda i comuni superiori.

Il candidato eletto sindaco con la percentuale minore di preferenze è Monica Cinti a Monte San Pietro con il 40,49% delle preferenze.

Lo scarto minimo tra i candidati sindaco si è verificato a Malalbergo dove Monia Giovannini è eletta grazie ad 8 voti in più del competitor Massimiliano Vogli.

In due comuni della montagna, Castel d’Aiano e Lizzano in Belvedere, era presente un unico candidato.

Dei 46 sindaci (a Molinella vanno al ballottaggio due uomini), 10 sono donne (il 21,7%).

Sui 45 sindaci già eletti sono 28 i neosindaci (62,2%) e 17 quelli uscenti e riconfermati al secondo mandato amministrativo (37,8%).

 

I nomi dei nuovi sindaci nei 45 comuni in cui si è votato (Molinella va al ballottaggio):

Anzola dell’Emilia (Giampiero Veronesi) – Argelato (Claudia Muzic) – Baricella (Omar Mattioli) – Bentivoglio (Erika Ferranti) – Borgo Tossignano (Mauro Ghini) – Calderara di Reno (Giampiero Falzone) – Casalecchio di Reno (Massimo Bosso) – Casalfiumanese (Beatrice Poli) – Castel d’Aiano (Alberto Nasci) – Castel di Casio (Marco Aldrovandi) – Castel Guelfo di Bologna (Claudio Franceschi) – Castel Maggiore (Belinda Gottardi) – Castel San Pietro Terme (Fausto Tinti) – Castello d’Argile (Alessandro Enriquez) – Castenaso (Carlo Gubellini) – Castiglione dei Pepoli (Maurizio Fabbri) – Crevalcore (Marco Martelli) – Dozza (Luca Albertazzi) – Fontanelice (Gabriele Meluzzi) – Galliera (Stefani Zanni) – Granarolo dell’Emilia (Alessandro Ricci) – Grizzana Morandi (Franco Rubini) – Lizzano in Belvedere (Sergio Polmonari) – Loiano (Fabrizio Morganti) – Malalbergo (Monia Giovannini) – Marzabotto (Valentina Cuppi) – Medicina (Matteo Montanari) – Minerbio (Roberta Bonori) – Monte San Pietro (Monica Cinti) – Monterenzio (Ivan Mantovani) – Monzuno (Bruno Pasquini) – Mordano (Nicola Tassinari) – Ozzano dell’Emilia (Luca Lelli) – Pianoro (Franca Filippini) – Pieve di Cento (Luca Borsari) – Sala Bolognese (Emanuele Bassi) – San Benedetto Val di Sambro (Alessandro Santoni) – San Giorgio di Piano (Paolo Crescimbeni) – San Lazzaro di Savena (Isabella Conti) – San Pietro in Casale (Claudio Pezzoli) – Sant’Agata Bolognese (Giuseppe Vicinelli) – Sasso Marconi (Roberto Parmeggiani) – Valsamoggia (Daniele Ruscigno) – Vergato (Giuseppe Argentieri) – Zola Predosa (Davide Dall’Omo).