Home Appennino Bolognese Al via con un’anteprima l’undicesima edizione di ‘Claxica’, festival internazionale di chitarra...

Al via con un’anteprima l’undicesima edizione di ‘Claxica’, festival internazionale di chitarra classica

Torna dal 16 al 21 luglio “Claxica”, il festival di chitarra classica che da undici anni ospita artisti provenienti da ogni parte del mondo, attirando in Appennino appassionati di questo genere musicale. A organizzarla è Giordano Passini, chitarrista di Castel d’Aiano che tra una tournée in Cina (dove è stato a maggio dopo una serie di concerti in Indonesia) e in attesa di partire in autunno per Norvegia, Vietnam e Giappone, trova anche il tempo per invitare alcuni suoi colleghi nel bolognese per una serie di concerti. Passini commenta soddisfatto “Giunto alla undicesima edizione il festival ospiterà i nomi più importanti del panorama chitarristico internazionale. Un passo alla volta siamo arrivati ad essere uno dei festival più importanti d’Europa in questo settore, grazie anche poi alle lezioni nella master class e agli eventi collaterali come la mostra di liuteria”.

La novità di quest’anno è legata a una anteprima prevista per venerdì 12 luglio con il concerto “Joaquin Rodrigo y Manuel de Falla” nella Tenuta Bonzara, in via San Chierlo, 37/A, a Monte San Pietro. Al termine del concerto è prevista una degustazione dei vini della cantina e la possibilità di visita con enologo, per le quali è gradita la prenotazione. Il costo di questa serata è di 10 €.

Il concerto è a cura degli studenti del conservatorio G.B. Martini di Bologna e rappresenta una ghiotta anticipazione del festival vero e proprio che avrà inizio martedì 16 luglio con il recital di Carlotta Dalia, primo premio al Concorso Claxica 2018, che si terrà nella Chiesa della Rocca a Montese, ingresso 5 €.

Tutte le serate hanno inizio alle 20,45.  Per i successivi tre concerti il biglietto di ingresso è di 8 €

Giovedì 18 luglio nella Sala polivalente di Castel D’Aiano recital del chitarrista francese Judicael Perroy, senza dubbio uno degli artisti più attesi: nel 1997 ha conquistato il prestigioso primo premio del Concorso Guitar Foundation of America, cui ha fatto seguito un tour negli Stati Uniti e in Canada con più di sessanta concerti e master class. Professore presso l’Ecole Nationale de Musique d’Aulnay-sous-Bois, Perroy ha tenuto i primi concerti da solista a undici anni e viene regolarmente invitato a tenere lezioni di perfezionamento nei migliori conservatori del mondo.

Venerdì 19 luglio si torna nella Chiesa della Rocca di Montese per il recital di Lorenzo Micheli. Professore di chitarra al Conservatorio della Svizzera italiana, è “Artist in Residence” presso la University of Colorado Boulder e la Columbus State University. Dopo aver vinto il primo premio nei concorsi “M. Pittaluga” e “Guitar Foundation of America” ha intrapreso un’intensa attività artistica che in venticinque anni lo ha portato in quasi tutti i paesi europei, in oltre duecentocinquanta città di Stati Uniti e Canada, in Africa, in Asia, in Australia e in America Latina. Insieme a Matteo Mela nel 2002 ha dato vita a uno tra i duo di chitarre più noti al mondo, che il “Washington Post” ha definito “extraordinarily sensitive – nothing less than rapturous”. La sua discografia annovera una ventina di titoli.

Sabato 20 luglio nella sala polivalente di Castel d’Aiano recital del belga Johan Fostier. Come di consueto la manifestazione si concluderà domenica 21 luglio, alle 18, nella sala Dallari di Montese, con il concerto finale dei musicisti che hanno partecipato alle master class organizzate durante le giornate del festival. Il concerto è gratuito. La sala oltretutto sabato 20 luglio dalle 10 alle 17 esporrà una mostra di liuteria, mentre anche quest’anno, per valorizzare i più giovani, è previsto un concorso under 17.

Esiste la possibilità di acquistare una tessera cumulativa che dà diritto all’ingresso a tutti concerti del festival per 15 euro. Per i concerti alla Rocca di Montese inoltre è previsto un servizio di navetta dalla piazza del paese intorno alle 20.