Home In evidenza Fallimento Martinelli Ettore: il sindaco Menani chiarisce

Fallimento Martinelli Ettore: il sindaco Menani chiarisce

“Sono stato io a chiedere alla Regione che fossero attivati gli ammortizzatori sociali, visto che ormai il fallimento sembrava inevitabile, ho assicurato che il Comune di Sassuolo farà la sua parte, prendendosi carico di quei casi economicamente più difficili, e mi sono attivato con aziende locali affinchè alcuni dipendenti possano essere ricollocati nel distretto”. Il Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani risponde alla Fiom Cgil relativamente al fallimento dell’azienda Martinelli Ettore.

“Proprio questa mattina – prosegue il Sindaco – ho sollecitato un imprenditore metalmeccanico di Sassuolo, in cerca di personale, ad attingere tra le persone rimaste vittime del fallimento, l’ho fatto nei giorni scorsi e lo farò nei prossimi. Il sindacato non ha capito, o non ha voluto capire, che la possibilità di assorbire, su base volontaria, alcuni dipendenti nell’azienda partecipata in Russia era un’idea, una possibilità in mezzo a tante altre e nessuno e nessuna di esse, di fronte all’opportunità di mantenere un posto di lavoro onesto e dignitoso, può o deve essere scartata a priori. Ad inizio 2014, quando l’azienda in cui lavoravo fallì, ero pronto a fare le valige e trasferirmi in Tennessee pur di permettere a me ed alla mia famiglia una vita dignitosa: è giusto che anche i dipendenti di Martinelli Ettore abbiano la possibilità di scegliere”.

“Sono rimasto stupito – aggiunge Menani – ma non sorpreso del fatto che, a quel tavolo, la Fiom sia stata solamente in grado di formulare accuse alla proprietà, senza avanzare una possibile soluzione: vanno bene le bandiere rosse, ma serve anche concretezza ed è quello che ho cercato di mettere in campo. Prendo atto – conclude il Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani – anche della presa di posizione e delle accuse da parte del Partito Democratico che chiede risposte: anche noi le chiediamo da tempo, in merito alla vicenda Untouchables che rappresenta un episodio gravissimo per la nostra città e per cui, l’allora capogruppo a Sassuolo, sarà processato il prossimo 5 dicembre”.