Home Appennino Reggiano Canossa, riaperta a tempo di record la Sp 54

Canossa, riaperta a tempo di record la Sp 54

La Sp 54 Ciano-Vercello-Stella – chiusa al transito dalla fine di maggio nei pressi di Ceredolo dei Coppi, a Canossa, in seguito a una frana che aveva inghiottito la strada – sarà di nuovo percorribile già domani. “Nel tardo pomeriggio, alla fine della giornata di lavoro, la Sp 54 sarà riaperta, anche se con limite di velocità di 30 km/h visto che l’asfaltatura potrà essere effettuata solo tra qualche settimana, quando il fondo si sarà assestato – annuncia il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giorgio Zanni – E’ una buona notizia per i cittadini e le attività economiche della zona, ma è anche motivo di soddisfazione per la Provincia: siamo, infatti, riusciti a rispettare gli impegni assunti con la comunità insieme al sindaco Bolondi, con il quale ci eravamo da subito attivati per poter riaprire al traffico il prima possibile, nonostante i danni fossero stati particolarmente ingenti, una strada così importante. Di questo va dato atto al Servizio Infrastrutture e all’impresa che, nell’ambito dell’accordo-quadro biennale per la manutenzione delle strade del Reparto Sud, ha realizzato i lavori in tempi davvero rapidi”.

La frana che aveva interrotto la Sp 54, tra le frazioni di Ceredolo dei Coppi e Branzana, si era attivata nel corso dell’ultima delle tante ondate di maltempo che, a maggio, hanno interessato l’Emilia-Romagna. Un dissesto particolarmente importante che aveva in pratica inghiottito un tratto di carreggiata e che, il 29 maggio, aveva reso inevitabile la chiusura al transito della Sp 54. Trattandosi di una arteria di collegamento a forte valenza turistica, la Provincia – d’intesa con il Comune – aveva da subito deciso di intervenire anticipando direttamente tutte le risorse necessarie alla sistemazione e messa in sicurezza della strada: “Abbiamo anticipato le risorse, pari a 90.000 euro, in attesa di un contributo dell’Agenzia regionale di Protezione civile, al quale il dissesto era stato immediatamente segnalato ai fini della richiesta dello stato di emergenza nazionale – aggiunge il presidente Zanni – Richiesta che il Governo ha accolto nelle scorse settimane, assegnando 19 milioni per i danni provocati in tutta l’Emilia-Romagna durante i quattro periodi di maltempo straordinario verificatosi a maggio, compresa l’alluvione di Villafranca, nel Forlivese”.

In appena un mese, la Provincia di Reggio ha quindi realizzato ed approvato il progetto esecutivo, assegnando poi i lavori all’associazione temporanea di imprese – l’Ati formata dai consorzi Corma e CFC – aggiudicataria dell’accordo-quadro biennale per la manutenzione delle strade del Reparto Sud. Una procedura che ha permesso di accelerare ulteriormente i tempi di intervento, tanto che domani – grazie anche all’impegno della ditta Moretti di Cecciola di Ventasso, esecutrice dei lavori per conto dell’Ati – la Sp 54 sarà di nuovo percorribile.