Home Bologna Al Marconi i passeggeri in partenza da Bologna potranno gustare la tagliatella...

Al Marconi i passeggeri in partenza da Bologna potranno gustare la tagliatella al ragù firmata dallo chef Poggi

12 settembre 2019, Bologna II talento di uno degli chef più noti di Bologna, Massimiliano Poggi, incontra la migliore tradizione della cucina emiliana con il piatto simbolo della città felsinea: le tagliatelle al ragù, che da domani 13 settembre saranno introdotte nel menù della Trattoria Vecchia Bologna, il ristorante della famiglia Chiari presente all’interno dell’Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna, accanto al gate 12.

Oggi sono sempre più numerosi gli scali aeroportuali dove è possibile assaggiare piatti cucinati da grandi chef e godersi le ore di attesa in ambienti piacevoli e curati.

L’Aeroporto Marconi di Bologna è stato un precursore di questa nuova tendenza, intuendo già da tempo tutta la potenzialità che la cucina regionale emiliana, in relazione al turismo enogastronomico, avrebbe potuto manifestare. All’interno dello scalo bolognese, i punti vendita e ristoro firmati Vecchia Malga, storica azienda enogastronomica bolognese della famiglia Chiari, esprimono livelli di qualità, immagine e prestigio del buon cibo emiliano in un ambiente accogliente, che ricorda le vecchie botteghe della città.

La collaborazione tra le due realtà quest’anno ha alzato il livello coinvolgendo, per il proprio ristorante Trattoria Vecchia Bologna, Massimiliano Poggi, chef tra i più rappresentativi della città felsinea.

Da domani, 13 settembre, nel menù del ristorante in Sala Imbarchi Schengen sarà presente il piatto “Non chiamateli spaghetti alla bolognese. Un souvenir di Bologna”. Si tratta di una tagliatella condita con ragù contadino, firmato da Poggi in omaggio a una ricetta di famiglia, ma realizzato con la sua alta capacità tecnica. Un piatto ghiotto, cucinato con la passione e il rispetto che richiede la tradizione, ma anche pensato con l’ironia che contraddistingue lo chef. Come è nel suo stile, lo chef ama divertire i propri commensali con evocazioni e provocazioni, e per questo emblematico piatto tradizionale ha scelto un nome che sfida la fama degli spaghetti alla bolognese

La novità è stata presentata oggi, con un evento-spettacolo, cui ha partecipato lo stesso chef Poggi, accompagnato dall’attore ed esperto di cucina bolognese Vito, intervistati da Samuele Montalbano, responsabile retail di Vecchia Malga.

In un ambiente internazionale, come quello aeroportuale, Vecchia Malga, che ha sempre fortemente puntato sulla cucina regionale emiliana, aggiunge un’importante tassello alla valorizzazione dell’eccellenza gastronomica di Bologna, attraverso uno dei suoi piatti più amati ma ancora troppo poco conosciuti all’estero.

La collaborazione tra lo chef, la Famiglia Chiari e l’Aeroporto è molto importante: il ristorante si trova infatti nell’area commerciale della Sala Imbarchi Schengen dell’Aeroporto di Bologna, e rappresenta uno spazio dedicato alla ristorazione molto conosciuto dai passeggeri, in uno degli scali più importanti d’Italia, che nei primi otto mesi del 2019 ha segnato un +9,7% con 6,3 milioni di passeggeri.

L’obiettivo è offrire non solo al pubblico italiano ma soprattutto a quello straniero, sempre più alla ricerca del vero made in Italy, un’esperienza di gusto di alto livello, ben rappresentativa della storia culinaria della città.

Chef Massimiliano Poggi
Bolognese doc, con un inizio carriera in Romagna e poi un’importante esperienza a Parigi, Massimiliano “Max” Poggi abbina grandi capacità tecniche a un’autentica passione per i sapori locali, rivisitati con ironia e creatività. Dopo aver inaugurato e fatto crescere il suo ristorante Al Cambio, con una cucina tipicamente bolognese, ha dato il via a una cucina tradizionale più ricercata con Vicolo Colombina, in pieno centro storico a Bologna, per poi aprire nel 2016 il ristorante contemporaneo che porta il suo nome, Massimiliano Poggi Cucina, a Trebbo di Reno.

Campagna, territorio e tradizione sono i capisaldi della sua cucina, non solo nella scelta delle materie prime o nell’ispirazione creativa, ma anche nelle collaborazioni lavorative.