Home Mostre “Dietro l’angolo”: mostra fotografica di Enrico Serpagli in Ospedale a Sassuolo

“Dietro l’angolo”: mostra fotografica di Enrico Serpagli in Ospedale a Sassuolo

“Ci sono giorni in cui qualcosa mi spinge ad andare a caccia di immagini… forse perché non sapendo usare colori e pennelli, sento che devo ‘dipingere’ con l’obiettivo. Non so quindi come posso definirmi. Un fotografo dilettante, un esploratore, un ladro di immagini” spiega Enrico Serpagli. Le sue fotografie, scoperte da Beppe Zagaglia, e catturate nei dettagli dei paesaggi urbani contemporanei, approdano per la prima volta in Ospedale a Sassuolo, grazie a VolontariArte. Con molte opere inedite, realizzate appositamente per questo evento.

Con una ‘sorpresa’… Una delle 24 immagini esposte, è stata ripresa proprio all’interno della struttura sanitaria in via Ruini. Ma quale? La sfida è lanciata. Alla prima persona che indovinerà quale fotografia riprende un dettaglio dell’ospedale, sarà donata una delle altre opere d’arte esposte.

Per partecipare al concorso, è possibile: commentare il post sull’evento pubblicato nella pagina Facebook ufficiale della Società, dove è presente anche una galleria di immagini completa delle opere esposte; o scrivere una e-mail all’indirizzo di posta elettronica: l.bagnoli@ospedalesassuolo.it. Ad ogni opera corrisponde un numero progressivo. Per scegliere l’immagine che si ritiene sia stata scattata in ospedale, basta indicare il numero corrispondente.

La mostra è stata intitolata ‘Dietro l’angolo’. L’immagine di Serpagli, infatti, emerge seguendo geometrie indecifrabili, colature e di colore e graffi, e nella sua assoluta astrazione, forma una specie di calligrafia del tempo. Crea una lingua misteriosa che racconta la centralità dell’attimo, rendendo visibile “l’invisibilità del paesaggio contemporaneo” come ha scritto Marinella Paderni docente all’Università IULM di Milano e all’Accademia di Belle Arti a Bergamo.

“I nostri utenti sono abituati a trovare l’arte fin dentro le proprie camere, in tutto l’ospedale, e di questo siamo particolarmente orgogliosi” – dice Bruno Zanaroli, Direttore Generale della Società. “Perché crediamo che questo progetto renda veramente più accoglienti e familiari i luoghi di cura, dando al contempo la possibilità alle energie artistiche del territorio di entrare in contatto con le persone. Come abbiamo sempre sostenuto, un ospedale deve essere aperto al territorio. E Sassuolo, oggi, è un punto di riferimento non solo per la propria mission legata alla salute dei cittadini ma anche come luogo di incontro”.

Enrico ‘Giulio’ Serpagli nasce a Borgo Val di Taro nel 1936. A inizio anni ’50 si trasferisce con la famiglia a Sassuolo. Si laurea in Scienze Geologiche e presto diventa assistente e quindi docente universitario di Paleontologia, dedicandosi alla ricerca sul campo sia all’Università di Modena che a Torino. Si specializza nelle foto degli ‘affioramenti’ geologici e, a partire dagli anni ’80, si dedica a produzioni artistiche anche slegate dalla sua attività accademica. Sarà Beppe Zagaglia, solo a fine anni ’90 a “indurlo” a farsi conoscere come fotografo, iniziando una brillante ‘carriera’ anche in questo campo.