Home Reggio Emilia 365 Giorni Donna, le Pari opportunità nelle professioni. Un convegno con gli...

365 Giorni Donna, le Pari opportunità nelle professioni. Un convegno con gli Ordini venerdì

Venerdì 25 ottobre, dalle ore 14, nella Sala del Tricolore di Reggio Emilia (piazza Prampolini, 1) si tiene un convegno con i rappresentanti degli Ordini professionali a livello provinciale, regionale e nazionale, sul tema ‘Le Pari opportunità nelle professioni. Esperienze e prospettive’.

L’iniziativa, che si prefigge di fare il punto sullo stato dell’arte della realizzazione delle pari opportunità dal punto di vista delle professioni, è a partecipazione libera e gratuita, promossa da Profess@re al Femminile, la rete che, nata nel 2009, riunisce Ordini e Collegi professionali, con il patrocinio del Comune di Reggio Emilia, della Provincia e della Regione Emilia-Romagna che rientra nel calendario di 365 Giorni Donna, rassegna di eventi dedicata alle tematiche del femminile.

Il Convegno, al quale il Comune di Reggio Emilia sarà rappresentato dall’assessore Lanfranco De Franco, sarà aperto dalle relazioni di Sara Mazzucchelli e Daniela Piana, seguite dalla partecipazione dei rappresentanti degli Ordini e Collegi professionali di Notai, Medici, Agronomi, Geometri, Avvocati, Giornalisti, delle Professioni infermieristiche, Ostetriche, Architetti, Chimici e Fisici, Dottori Commercialisti ed Esperti contabili, Consulenti del lavoro e Farmacisti.

Tra i temi oggetto di confronto, la conciliazione dei tempi di vita e lavoro, i redditi delle professioniste e, più in generale, se nelle professioni il concetto di pari opportunità sia o meno acquisito.

“Abbiamo voluto organizzare questo Convegno – dichiara Maria Brini, coordinatrice di Profess@re al Femminile – allo scopo di raccogliere e diffondere lo stato dell’arte dei Comitati pari opportunità presenti in diversi Ordini e Collegi professionali, al fine di fare il punto sui risultati fino ad ora raggiunti e poter così proseguire insieme nella attuazione di progetti volti a diffondere la piena affermazione della cultura di genere e delle pari opportunità, generazionali e territoriali”.