Tartufesta domenica 10 novembre a Camugnano e Grizzana Morandi








    Domenica 10 novembre sono previsti altri due appuntamenti in Appennino bolognese dedicati al tartufo, una delle pietanze più caratteristiche di questi territori. Si tratterà in generale di due momenti di festa dedicati alla gastronomia locale, tartufi ma anche castagne e frutti antichi.

     

    A Grizzana Morandi la Proloco locale aspetta i visitatori a partire dalle 9 in piazza del Municipio con il mercatino dei prodotti tipici e la vendita di tartufo. Dalle 10 è prevista una mostra micologica a cura dell’associazione micologica AVIS Bologna.

    Alle 10,30 in sala consiliare si terrà invece il “Convegno sui frutti antichi” con l’anteprima del volume “Le pere antiche in Emilia-Romagna” a cura del professore emerito dell’Università di Bologna Silviero Sansavini. Dopo la mela rosa romana, dunque, l’attenzione va adesso sulle pere dell’Appennino, un altro frutto antico da riscoprire. Sarà presente il professor Dario Mingarelli, presidente dell’Associazione Mela Rosa Romana.

    A partire dalle 12,30 i ristoranti del capoluogo proporranno piatti a base di tartufo, per i quali è consigliata la prenotazione. Dalle 13,30 degustazione di castagne, frutti antichi, vin brulè, con musica e balli popolari. La giornata si concluderà in sala mostre del Municipio dove si terrà il “Concerto delle fate”.

     

    A Camugnano invece la festa si terrà in piazza Kennedy. Oltre al mercatino montanaro, qui sarà possibile apprezzare la mostra fotografica “Momenti d’Appennino” di Salvatore Di Stefano, nella sala parco. Siciliano di nascita, Salvatore vive in Appennino da quando aveva 8 anni dove orgogliosamente risiede tutt’ora. Fotografo per passione, quasi del tutto autodidatta, il suo amore per la natura l’ha portato a diventate Guida Ambientale Escursionistica e Socio del Club Alpino Italiano.

    Durante la giornata funzioneranno gli stand gastronomici con degustazione di piatti a base di tartufo e altre specialità montanare. Nel pomeriggio musica del dj Luca Medici accompagnata da vin brulè e caldarroste.






    Articolo precedenteL’“eroe” Antoci chiude a Reggio Emilia ‘Noicontrolemafie’ 2019
    Articolo successivoEzio Mauro ad Albinea per raccontare i 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino