Home Modena Unimore ricorda l’apporto culturale e scientifico di uno dei suoi più noti...

Unimore ricorda l’apporto culturale e scientifico di uno dei suoi più noti docenti, il prof. Sergio Valeri

Il Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche (FIM) di Unimore ricorda con un appuntamento scientifico uno dei suoi più noti docenti, il prof. Sergio Valeri, che – dopo una lunga carriera tutta interna all’Università di Modena e Reggio Emilia – dal primo novembre è andato in pensione.

Allievi e colleghi durante l’iniziativa, nel corso del quale si tratterà di fisica delle superfici, di film ultrasottili e nanostrutture, avranno modo di parlare sia di argomenti delle loro ricerche originali che di argomenti di interesse comune e di collaborazioni intrattenute col docente modenese. L’occasione sarà un convegno “Surfaces were invented by the devil” (Le superfici sono state inventate dal diavolo), che riprende una citazione dovuta al prof. Wolfgang Pauli, Premio Nobel in Fisica nel 1945.

L’appuntamento si svolgerà nelle giornate di giovedì 16 e venerdì 17 gennaio presso l’Aula L1.3 dell’Edificio di Fisica (via Campi 213/a) a Modena e sarà aperto alle ore 14.45 del primo giorno dagli indirizzi di saluto del prof. Luca Zanni, Direttore del Dipartimento di Scienze Fisiche Informatiche e Matematiche, del prof. Angelo O. Andrisano, già Magnifico Rettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia e del dott. Massimo Rontani, Direttore del Centro S3 dell’Istituto Nanoscienze CNR.

Successivamente prenderanno la parola i professori Carlo Calandra Bonaura e Umberto del Pennino (Unimore) su “SESAMO lab: gli inizi”, il dott. Renato Buzio (CNR-SPIN Genova) su “Sondare la superlubrificazione alla nanoscala col microscopio a forza d’attrito”, il prof. Franco Ciccacci (Politecnico di Milano) su “Lo spin nei semiconduttori: una passione che dura da 40 anni”, il prof. Gianfranco Pacchioni (Univ. di Milano-Bicocca) su “Superfici senza segreti. La storia intrigante dell’assorbimento del CO sul MgO”, il prof. Elio Giamello (Univ. di Torino) su “Difetti negli ossidi metallici e Risonanza Paramagnetica Elettronica”, il prof.  Federico Boscherini (Univ. di Bologna) su “Studi di film ultrasottili e nanostrutture con spettroscopie a raggi X” ed il prof. Alessandro di Bona – CNR-NANO Modena su “SESAMO (1984-2019)”

Nella seconda giornata, venerdì 17 gennaio, si riprenderà alle ore 9.30 con i contributi di: prof. Gianpaolo Mistura (Univ. di Padova) su “Moto di gocce su superfici impregnate a basso coefficiente d’attrito”; dott. Alberto Rota (Unimore) su “SUP&RMAN (2005-2019)”; dott. Piero Torelli (CNR-IOM Trieste) su “XAS a pressione ambiente per studi di reattività su superfici”; prof. Maurizio Canepa (Univ. di Genova) su “Proprietà ottiche di nanosistemi ibridi: a volte ritornano”. Seguiranno poi i saluti e le conclusioni.

SERGIO VALERI

Si è laureato a Bologna nel 1972 in Fisica. Nel 1982 è diventato Professore Associato presso la Facoltà di Scienze dell’Università di Modena e Reggio Emilia, e nel 2002 è stato promosso Professore Ordinario presso la Facoltà di Scienze della stessa Università. E’ stato fellow al KFA-Julich, Germania e al FOM-Amsterdam, Olanda. E’ stato tra i fondatori del laboratorio SESAMO presso il Dipartimento di Fisica dell’ Università di Modena, del centro di ricerca S3 dell’INFM (attualmente parte dell’Istituto NANO del CNR) e responsabile del laboratorio Sup&RMAN. Ha ricoperto numerosi incarichi a livello dirigenziale, quali Direttore del Dipartimento di Fisica e del Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche. Ha preso parte attivamente allo sviluppo del Tecnopolo INTERMECH. Negli ultimi anni ha ricoperto il ruolo di delegato alla ricerca del Rettore. Oltre a essere co-autore di più di 240 pubblicazioni su riviste internazionali, è stato responsabile di progetti di ricerca di base e industriali, nazionali e internazionali. I suoi interessi scientifici sono concentrati sulla fisica della materia condensata, in particolare superfici, film sottili e nanostrutture, anche con applicazioni in campo industriale.