Home Cronaca Pizzicato con merce rubata per 800 euro, tunisino finisce nei guai a...

Pizzicato con merce rubata per 800 euro, tunisino finisce nei guai a Reggio Emilia

Nel pomeriggio di ieri, verso le 18:00, la Squadra Volante della Questura di Reggio Emilia è intervenuta presso una profumeria all’interno di un supermercato di viale Timavo, dove era stato fermato tale B.S., classe 1987, tunisino con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, per tentato furto. Il soggetto era stato fermato fermato all’uscita dalla guardia giurata e trovato con merce per un valore di circa € 800,00. Accompagnato presso gli uffici della Questura è stato denunciato a piede libero per tentato furto e inottemperanza ad un ordine del Questore.

 

Questa notte poco dopo le 2:00, sempre personale della Squadra Volante, durante i servizi di controllo del territorio, transitando in via Gramsci notava una persona in bicicletta che alla vista degli operatori di polizia cambiava repentinamente il suo percorso di marcia dirigendosi verso via Lazzaretti. La persona, immediatamente fermata, veniva riconosciuta per D.D., classe 1959, originario di Nocera Inferiore che da accertamenti risulta essere persona pregiudicata con numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e nello specifico per furto.

Considerato il fatto che il soggetto si trovava in orario notturno in circostanze di luogo e di tempo non giustificabili, si procedeva a perquisizione personale (ex art. 4 l. 22.05.1975), al fine di accertare il possesso di armi e/o oggetti atti ad offendere e/o effrazione.
La perquisizione dava esito positivo in quanto in una tasca del giubbotto indossato dall’uomo, veniva rinvenuta una tronchese in acciaio, posta sotto sequestro in quanto ingiustificatamente detenuta. Stante i fatti il soggetto veniva portato in Questura e denunciato in stato di libertà ex art.707 del c.p., ossia possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli.