Home Regione Bonaccini: “Profondo dolore per la scomparsa del professor Amadori, perdiamo una persona...

Bonaccini: “Profondo dolore per la scomparsa del professor Amadori, perdiamo una persona e un medico straordinario”

“Provo profondo dolore per la scomparsa del professor Dino Amadori, padre dell’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori, l’IRST di Meldola (FC). Un’eccellenza assoluta della sanità pubblica italiana ed europea che dobbiamo al suo impegno, alla sua tenacia e, soprattutto, alla sua competenza”. Sono le parole pronunciate dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, per la scomparsa del professor Dino Amadori. “Davvero perdiamo una persona e un medico straordinario- aggiunge il presidente- una guida per tanti, che mancherà all’intera comunità regionale, a quella scientifica e a tutta la sanità regionale dell’Emilia-Romagna”. “Ma soprattutto- conclude Bonaccini- ai famigliari del professor Amadori, a cui va un caro abbraccio e le mie più sentite condoglianze, a nome mio, della Giunta regionale e di tutta la Regione. Lo stesso agli amici e a tutta la comunità dell’IRST di Meldola”. *** Il cordoglio del Rettore di Unibo, Francesco Ubertini: “È con grande dolore che ho appreso della scomparsa di Dino Amadori, medico straordinario che ha avuto un ruolo fondamentale per la nascita dell’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori, l’IRST di Meldola. Il suo impegno tenace e le sue eccezionali competenze scientifiche hanno portato l'IRST a conquistare un ruolo di assoluta rilevanza a livello internazionale, e la sua opera è stata determinante anche per la nascita del progetto Romagna Salute, che porterà il prossimo anno all'attivazione di un nuovo corso di studio in Medicina e Chirurgia, con due sedi a Forlì e Ravenna e una rete formativa per tirocini e scuole di specializzazione che abbraccerà anche Cesena e Rimini. A nome di tutta la comunità dell'Università di Bologna voglio esprimere le più sentite condoglianze alla sua famiglia, ai suoi amici e collaboratori e a tutto l’IRST di Meldola”.