Home Appennino Bolognese L’Appennino bolognese si prepara ad accogliere i visitatori per una vacanza sicura

L’Appennino bolognese si prepara ad accogliere i visitatori per una vacanza sicura

Quella che ci aspetta è un’estate diversa, in cui avremo bisogno soprattutto di spazio e di riparo dalle grandi folle: l’Appennino è pronto per accogliere i visitatori che lo sceglieranno come meta.

“Ripartire dai borghi, per una vita più a contatto con la natura e con ritmi più distesi”: lo hanno dichiarato in questi giorni diversi urbanisti di fama come Stefano Boeri e Massimiliano Fuksas, sembra che lo stiano pensando in tanti, almeno per le vacanze estive. In effetti l’emergenza sanitaria e l’esigenza di maggiori spazi mette in crisi lo stile di vita metropolitano e un po’ frenetico a cui ci siamo abituati negli ultimi anni.

A conferma di ciò stanno aumentando in questi giorni le richieste di informazioni da parte di chi, se le condizioni lo consentiranno, desidera trascorrere l’estate nell’Appennino bolognese, o almeno parte di essa. Non si tratta solo di proprietari di seconde case, che chiamano nei Comuni per sapere se possono recarsi nella casa in montagna (oggi è possibile ma solo per fare manutenzione individualmente, non per dormirci), ma anche di semplici cittadini interessati. Diverse le provenienze, dalla Regione ma anche da fuori, che hanno individuato nella montagna la possibilità di trascorrere le vacanze in completa sicurezza.

In effetti, se si dà per scontato che nei prossimi mesi comunque sarà necessario mantenere il distanziamento sociale, appare evidente che le caratteristiche dell’Appennino bolognese si prestano bene a garantire un periodo di relax in piena sicurezza: chi passeggia nei boschi o in riva ai laghi di sicuro non va incontro a folle di persone. La maggior parte dell’offerta turistica dell’Appennino poi non si caratterizza certo per grandi alberghi, ma al contrario per piccoli bed & breadfast o alloggi in affitto in centri abitati poco popolosi, l’ideale per il periodo che stiamo vivendo.

“Questa estate – è il commento del presidente dell’Unione dei comuni dell’Appennino bolognese Maurizio Fabbri – il turismo di prossimità sarà probabilmente l’unica forma di turismo compatibile con l’esigenza di sicurezza e di distanziamento sociale. L’Appennino è pronto: crediamo che questa possa essere l’occasione per ripensare il nostro modello di sviluppo e la qualità della vita che vogliamo per noi e per i nostri figli”.