Home Ambiente Raccolta differenziata super ad Albinea: in un anno passa dal 71.6 al...

Raccolta differenziata super ad Albinea: in un anno passa dal 71.6 al 92%





Nel giro di un anno la percentuale di rifiuto differenziato ad Albinea è balzata dal 71.6% del 2019, al 92% del 2020 (+ 20.4%) superando di gran lunga le stime che erano state fissate al 79%. Nelle previsioni di Iren il rifiuto indifferenziato sarebbe dovuto passare da 273 (dato 2019) a 96 chili per abitante l’anno. Invece gli albinetani sono arrivati a una media di 68 kg/abitante l’anno.

“Un risultato eccezionale che deriva sia dall’impegno dei cittadini, che dalla scelta dell’amministrazione di introdurre il sistema di raccolta porta a porta, con tariffa puntuale, a partire dal gennaio 2020”, commenta il sindaco Nico Giberti.

Ad oggi il 62% delle utenze albinetane rientrano all’interno della quantità prevista dei conferimenti minimi di rifiuto indifferenziato, quindi avranno diritto a una piccola premialità nella prima bolletta del 2021. Anche questo dato dimostra che in molti si stanno dando da fare differenziando, cosa che permette di ridurre la quantità di svuotamenti.

Ma l’Amministrazione ha realizzato un piano che prevede una serie di sconti in bolletta legati all’emergenza Covid-19 e che sarà presentato e votato nella seduta del Consiglio Comunale di luglio.

“Come aveva già anticipato il sindaco, nel Consiglio comunale dell’11 maggio, abbiamo lavorato per aiutare sia le famiglie che le attività commerciali che hanno subito gli effetti del lock-down intervenendo sulla Tari”, spiega l’assessore all’Ambiente Daniele Menozzi.

L’amministrazione agirà sulla parte variabile del tributo proponendone una riduzione per tutte le utenze domestiche di Albinea; l’azzeramento, in base a precisi parametri Isee, per le famiglie in difficoltà e una riduzione per tutte quelle attività economiche che sono state costrette a chiudere, o hanno scelto di farlo, durante la fase più acuta dell’epidemia.

“Ringraziamo per il loro impegno civico tutti i cittadini. – continua Menozzi – e siamo consapevoli che il servizio di raccolta deve essere costantemente controllato e migliorato. Dispiace inoltre constatare che, di fronte a dati così elevati di raccolta differenziata, si verifichino ancora episodi di inciviltà. Per cancellare questo ultimo aspetto – conclude l’assessore – Comune e cittadini devono lavorare insieme”.

Articolo precedenteIl sindaco di Modena chiede al Governo una modifica del decreto sul “turn over” che riduce le possibilità del Comune di assumere
Articolo successivoWorkshop gratuito sul fumetto con Marino Neri al FabLab Junior di Fiorano