Home Ambiente Modena: oltre un milione di euro per scuola e ripristino di canali...

Modena: oltre un milione di euro per scuola e ripristino di canali e infrastrutture

Oltre 400 mila euro dalla Regione per tre interventi di ripristino di canali e infrastrutture che hanno subito danni dagli eventi meteorologici dello scorso novembre a cui si aggiungono i 670 mila euro del ministero dell’Istruzione per gli interventi urgenti sulle scuole in vista della riapertura; più alcuni altri contributi per attività culturali. Ha un valore complessivo di un milione e 138 mila euro in conto capitale e di 28 mila euro in parte corrente la variazione di bilancio del Comune di Modena, la quinta per il 2020, con la quale queste risorse vengono messe a disposizione dell’amministrazione per realizzare i lavori con la necessaria urgenza.

Il provvedimento, infatti, è stato approvato nei giorni scorsi dalla giunta, su proposta dell’assessore al Bilancio Gianpietro Cavazza, e dovrà essere ratificato dal Consiglio comunale alla riapertura dell’attività visto che i tempi di assegnazione dei contributi non hanno reso possibile l’inserimento di queste risorse nella quarta variazione approvata proprio nelle scorse settimane dal Consiglio.
I tre interventi ambientali riguardano il ripristino del ponte di strada Curtatona sul torrente Tiepido e del manto stradale (120 mila euro), la pulizia e il ripristino dell’officiosità idraulica di una serie di canali di scolo in zona Albereto e Tre Olmi (228 mila euro) e la pulizia e il risezionamento dei canali del tratto urbano interessato dagli allagamenti (70 mila euro). La variazione consente di avviare le procedure per l’affidamento dei lavori che potranno essere avviati entro settembre.
Le risorse per la scuola sono i 670 mila euro del bando Pon che sono stati suddivisi in quattro blocchi di lavori di manutenzione straordinaria per l’adattamento e l’adeguamento funzionale degli spazi e degli ambienti scolastici e per la fornitura di arredi: si tratta di decine di piccoli interventi che si concluderanno prima dell’inizio delle lezioni.
Con la variazione si prevede anche il contributo di 28 mila euro, richiesto dal settore Cultura al ministero dei Beni artistici e culturali, per le biblioteche cittadine da destinare in particolare all’acquisto di libri. Altri 50 mila euro, inoltre, sono stati richiesti all’Istituto per i Beni artistici culturali e naturali (Ibc) della Regione Emilia-Romagna per il progetto di riqualificazione di alcune sale della biblioteca Delfini. Previsto anche lo storno delle risorse necessarie allo spostamento delle opere d’arte dei Musei civici dalle aree interessate dai lavori di restauro e riqualificazione dell’ex Ospedale Estense.