Home Appuntamenti Visite “curiose”, laboratori e “cantastorie”: le iniziative a cura dei Musei civici...

Visite “curiose”, laboratori e “cantastorie”: le iniziative a cura dei Musei civici di Modena

Proseguono anche venerdì 23, sabato 24 e domenica 25 ottobre le proposte di iniziative a cura dei Musei civici di Modena, tra visite “curiose” alla caccia di oggetti particolari, laboratori e “contastorie. Appuntamenti per adulti e ragazzi, sempre in sicurezza nel rispetto delle misure anti Covid-19, con ingresso gratuito e prenotazione obbligatoria sulla piattaforma digitale Eventbrite.

Venerdì 23 ottobre alle 19 e alle 21 secondo tour insolito tra le sale al terzo piano di Palazzo dei Musei di largo Sant’Agostino, alla scoperta di alcuni fra gli oggetti più singolari delle collezioni d’archeologia, arte e artigianato. Rare curiosità e oggetti, a volte oscurati dalla ricchezza delle raccolte, si svelano durante le sei tappe guidate dal personale del museo. A venerdì alterni vengono presentati oggetti differenti, così da poter conoscere i dettagli di 12 oggetti o opere “speciali”, che, oltre a illustrare aspetti salienti della propria epoca, continuano a essere stimolo avvincente alla fantasia e all’immaginazione. Tra le stranezze di questo viaggio nel tempo ci sono il serpentone, strumento musicale settecentesco utilizzato nelle bande militari e nelle chiese a sostegno del canto, impiegato anche da Mendelssohn; le suole di sandali in legno pietosamente deposti in un sarcofago romano accanto a una defunta affetta da una grave malformazione; l’antesignana della bomba a mano, una granata utilizzata dalla fanteria tra la fine del Seicento e l’inizio del Settecento; una sepoltura etrusca, contenente tra il corredo una situla in bronzo con le ceneri di un aristocratico del piccolo centro ubicato sulla rocca di Castelvetro nel V secolo a.C.

Per ulteriori informazioni: tel. 059 2033125. Visite guidate a cura di Mediagroup98, gratuite, prenotazione obbligatoria (https://tracosestraneebizzarre.eventbrite.it)

Nel fine settimana i Musei civici propongono iniziative per bambini e ragazzi, con ingresso gratuito e obbligo di prenotazione online sulla piattaforma Eventbrite.it. Per gli accompagnatori adulti invece la prenotazione non occorre e la visita alle collezioni dei Musei Civici è sempre possibile durante i laboratori.

Sabato 24 ottobre, con inizio alle 15 e alle 17, si svolge “Alla maniera del Graziosi”, laboratorio di disegno che si ispira all’artista Giuseppe Graziosi e alle sue opere. I bambini sono invitati a mettersi in gioco con foto e ritagli originali che, assemblati in modi diversi, saranno la base per creare opere d’arte proprio come ha insegnato Graziosi. Fascia di età consigliata 6 – 12 anni. A cura di Mediagroup98. Prenotazioni online (www.eventbrite.it/e/biglietti-alla-maniera-del-graziosi-125153783335)

Domenica 25 ottobre alle 11, 15 e 16, con ritrovo alla Preda Ringadora in piazza Grande, il “contastorie” Marco Bertarini con “Dentro l’orologio che respira” mette in scena in Municipio una visita-narrazione dedicata a Lodovico Gavioli, definito dai suoi contemporanei “genio meccanico”, inventore della macchina cronometrica che dal 1867 anima l’orologio del Palazzo Comunale di Modena. Famoso in Italia e all’estero è considerato uno dei padri della musica meccanica, grazie alla creazione di automi e macchine capaci di riprodurre fedelmente i suoni di una intera orchestra.

Ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria online per i bimbi partecipanti da 6 a 14 anni (www.eventbrite.it/e/biglietti-dentro-lorologio-che-respira-125602914699).

Nel fine settimana i Musei Civici sono aperti col seguente orario: venerdì dalle 19 alle 23; sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 19 con orario continuato.

In Sala dell’Archeologia si può visitare la mostra “Storie d’Egitto. La riscoperta della collezione egiziana del Museo Civico di Modena” prorogata fino al 31 gennaio 2021.

Al piano terra di Palazzo dei Musei sono visitabili negli orari di apertura dei musei la Gipsoteca Graziosi, che negli spazi rinnovati espone un’importante raccolta di sculture, dipinti, disegni e stampe dell’artista e il Lapidario Romano dei Musei civici.

La regola di accesso alle sale è al momento di 15 persone ogni 30 minuti, sempre con mascherina e disinfezione delle mani all’entrata.

Rimangono chiuse alle visite le ultime sale del percorso espositivo (raccolte etnologiche e collezioni Campori e Sernicoli) per gli interventi di restauro, consolidamento e riqualificazione del comparto ex ospedale Estense che si inseriscono nel più ampio progetto “Ducato Estense” del Ministero dei Beni culturali.

Per informazioni, tel. 059 2033125, sito web (www.museicivici.modena.it) e sui social Facebook e Instagram (museicivicimodena).