Home Bassa modenese “Non mi freghi”: presentato il progetto del Controllo di Vicinato e Federconsumatori

“Non mi freghi”: presentato il progetto del Controllo di Vicinato e Federconsumatori

E’ una Comunità, quella dei 106.000 abitanti dell’Unione Terre d’Argine (Carpi, Soliera, Novi e Campogalliano), che si attiva contro truffatori e imbroglioni e contro le troppe pratiche commerciali scorrette. Un progetto innovativo, il primo in Italia con questa articolazione, elaborato dai volontari e volontarie del Controllo di Vicinato e da Federconsumatori Modena, in costante relazione con i quattro Comuni e con la preziosa collaborazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia e della Prefettura di Modena. Hanno aderito anche lo SPI CGIL, Confcommercio e Aimag, ma la possibilità di collaborare è aperta a tutti coloro che condividono gli obbiettivi di un progetto che aspira ad essere il riferimento per chi crede sia possibile, con una larga alleanza di forze, aumentare il livello di sicurezza dei cittadini.

Abbiamo messo insieme il notevole radicamento nel territorio e tra la gente dei volontari del CdV, la storica iniziativa di Federconsumatori su questi temi, le straordinarie competenze dell’Università di Modena sulle truffe informatiche, quelle – fondamentali e centrali – delle Polizie  Municipali, di Polizia e Carabinieri.

L’iniziativa è stata presentata alla stampa, alla presenza del Prefetto di Modena, Dott. Pierluigi Faloni,  del Prefetto Antonio Apruzzese, già Direttore nazionale della Polizia Postale, del Prof. Giacomo Cabri di Unimore, del Presidente dell’Unione Terre d’Argine, del Dott. Roberto Solomita, del Comandante della Polizia Locale Terre d’Argine, del Dott. Davide Golfieri, del Presidente di Aimag, Dott. Gianluca Verasani e del Presidente della Associazione Nazionale Controllo del Vicinato, Dott. Leonardo Campanale.

Il Controllo di Vicinato dell’Unione e Federconsumatori chiedono a tutti di elevare l’attenzione ed il contrasto verso fenomeni che all’apparenza possono sembrare minori; al contrario essere truffati a casa propria oppure al telefono, vedersi rubare la bicicletta, subire una truffa informatica o un furto di identità, sono tutti fatti che contribuiscono in modo pesante a diffondere incertezza, disagio, senso di inadeguatezza. Fino a fenomeni di depressione, di isolamento dal mondo, in particolare da parte degli anziani; fenomeni che sicuramente il Covid, con il suo carico di angosce, ha contribuito ad accentuare. E’ necessario non far sentire sole le persone che incappano in truffe, furti e imbrogli vari, è necessario accompagnarle nei percorsi di una denuncia, di un recesso; è necessario assistere le persone, indicare delle opportunità, fare rete tra le diverse iniziative già previste dai Comuni e da altri soggetti a sostegno delle persone vittime di furti. Per il contrasto alle truffe online sono previsti particolari momenti formativi aperti a tutti e disponibili sulla nuova piattaforma https://www.cdv.community. Sulla stessa piattaforma sono anche disponibili diversi video messi a disposizione del progetto da parte della Polizia Locale dell’Unione Valnure, Valchero e Alta Valnure. Il percorso formativo, diviso in tre blocchi, fornisce agli utenti meno informatizzati i rudimenti (illustrati con estrema precisione e professionalità) per capire come funziona il web e su come difendersi dal phishing e dalle truffe online (con numerosi esempi pratici). Il lavoro è iniziato nei mesi scorsi, e continuerà non appena possibile, con la distribuzione di 10.000 copie di un manuale, finanziato dall’Unione, e con momenti di sensibilizzazione nelle piazze dell’Unione, nelle città e nelle frazioni, dove saranno presenti anche gli Amministratori locali. La campagna di informazione prevede anche un dialogo diretto, una maggiore attenzione verso i soggetti più esposti alle truffe nel porta a porta e al telefono. Prevediamo anche una iniziativa a contrasto dei furti di biciclette, un problema annoso della Città di Carpi. Per il momento, a causa del Covid, è stato rinviato un fitto programma di assemblee, nelle quattro città, nei quartieri e nelle frazioni, che si conta di recuperare non appena possibile. Un programma impegnativo, obbiettivi ambiziosi in un contesto sempre più complicato; siamo però convinti che, con una forte sinergia di tanti soggetti, riusciremo a far crescere il livello di sicurezza nel nostro territorio.

Link al sito del Controllo di Vicinato, con i corsi online sui temi in oggetto.