Home Modena Donazione di giocattoli ai bambini del Policlinico dal Circolo Sportivo Guardia...

Donazione di giocattoli ai bambini del Policlinico dal Circolo Sportivo Guardia di Finanza Emilia Romagna – Modena

L’associazione “Circolo Sportivo Guardia di Finanza Emilia Romagna – Modena” vicina al Pronto Soccorso del Policlinico cittadino diretto dal dottor Antonio Luciani.

Stamattina, infatti, i rappresentanti del circolo sportivo delle fiamme gialle hanno consegnato numerosi di giocattoli destinati ai bambini in cura al Pronto Soccorso o degenti nel reparto di Pediatria.

I donatori del circolo rappresentati dal Presidente, maresciallo aiutante Salvatore Murano ed alla presenza del Comandante Gruppo Modena, Maggiore Antonino Rubbino in rappresentanza del Comando Provinciale, sono stati accolti, tra gli altri, dal direttore Antonio Luciani, dal dottor Marco Gaspari Pellei referente del progetto Io NON HO PAURA, dalla dottoressa Sandra Morselli responsabile del Pronto Soccorso, dal dottor Giuseppe Pezzuto, dal dottor Michele Lettini e dalla referente infermieristico dell’Osservazione Breve Intensiva Cesira Toia.

Presente anche una piccola rappresentanza dei volontari dell’Associazione Fratres Mutinae operante nell’ambito dell’assistenza sanitaria a cui collaborano diversi militari del Corpo e numerosi atleti del circolo sportivo.

L’associazione “Circolo Sportivo Guardia di Finanza Emilia Romagna – Modena” è nata nel 2014 con lo scopo di promuovere l’attività sportiva e sociale tra il personale, i loro familiari e tutte le persone che condividono i principi di lealtà e correttezza che da sempre contraddistinguono la Guardia di Finanza.

L’impegno dell’Associazione per i bambini – ha commentato il Maggiore Rubbinoha una lunga tradizione. Sono stati avviati, già da qualche anno, anche dei corsi nuoto completamente gratuiti per i bambini autistici che restituiscono impagabili feedback positivi da parte delle famiglie”.

Il progetto IO NON HO PAURA – racconta il dottor Antonio Luciani, Direttore del PS del Policlinico – ha la finalità di fidelizzare i piccoli pazienti alle istituzioni, guardano l’ospedale non in modo traumatico ma come una entità che è vicina alla popolazione.

I piccoli interventi sui bambini (i punti di sutura, ecc..) si concludono con la consegna del diploma di coraggio. Il progetto coinvolge tutti gli operatori del PS (medici, infermieri, oss) e questo rafforza il legame e la coesione della “squadra”.