Home Castelfranco Emilia Castelfranco Emilia, nuovo step nel percorso contro il gioco d’azzardo patologico

Castelfranco Emilia, nuovo step nel percorso contro il gioco d’azzardo patologico

Nuovo step nelle azioni di contrasto e prevenzione del gioco d’azzardo patologico messe in campo nell’ambito della campagna “Mind the GAP” fra i Comuni dell’Unione del Sorbara.

E’ stato infatti pubblicato, con scadenza 31 gennaio 2021, il bando dedicato a bar e tabaccherie aderenti al marchio SLOT FREE-R per interventi di riqualificazione e promozione della propria attività. Si tratta di risorse individuate nel Piano di Zona e destinate al sostegno delle attività commerciali, per un importo complessivo di circa 18.000 euro, che serviranno a coprire un’ampia gamma di spese nella misura del 50% del loro valore e fino ad un massimo di 1000 euro per ciascuna attività. I bar e le tabaccherie già in possesso o interessate ad esporre la vetrofania del marchio SLOT FREE-R, promossa dalla Regione, potranno chiedere il contributo per spese finalizzate alla progettazione e installazione di strutture e/o arredi, all’acquisto di prodotti digitali e soluzioni tecnologiche, alla realizzazione di interventi di socializzazione e animazione, alla formazione e qualificazione del personale.

“Questa azione non va solo nella direzione di sostenere quelle attività che hanno scelto di adeguarsi alla normativa regionale dismettendo spontaneamente o decidendo di non installare o rinnovare le autorizzazioni per apparecchi SLOT o VLT – ha dichiarato l’Assessore alla Legalità del Comune di Castelfranco Emilia Francesca Capuozzo – la promozione del marchio regionale SLOT FREE-R, punta infatti anche a sensibilizzare l’intera cittadinanza, e a renderla parte attiva di questo processo, invitandola ad una scelta consapevole ed etica dei propri consumi. Chiunque potrà scegliere di sostenere le attività virtuose consumando un caffè o facendo acquisti negli esercizi che esporranno il marchio. Abbiamo inoltre volutamente tenuto ampio il ventaglio di spese ammissibili per rendere maggiormente appetibile il bando. Fondamentale – ha aggiunto – è stata la condivisione con le associazioni di categoria, soprattutto al fine di una capillare diffusione del bando: a tal proposito è stata predisposta una modulistica snella e di facile compilazione, da inviare con una semplice email all’ufficio SUAP, per alleggerire il più possibile la burocrazia e rendere accessibile a tutti l’iter con pochi e semplici passaggi”. L’elenco esaustivo è disponibile nel bando pubblicato sul sito dell’Unione del Sorbara dove è possibile scaricare anche il modulo di domanda allegato.

Contestualmente a questo intervento di sostegno, l’Unione sta proseguendo l’iter verso la chiusura definitiva di sale slot, sale scommesse e corner situati ad una distanza inferiore a 500 metri dai luoghi cosiddetti sensibili.  “Non appena sarà possibile, compatibilmente con le restrizioni dovute all’emergenza sanitaria tuttora in corso, avvieremo anche le attività di formazione e approfondimento rimandate lo scorso anno. L’attenzione su questa tematica – ha concluso l’Assessore Capuozzo – deve restare alta, per la tutela delle imprese virtuose e delle fasce deboli della popolazione più a rischio, potenzialmente, di incappare nella ludopatia”.