Home Bologna L’Azienda USL di Bologna in merito alle vaccinazione anti-COVID 19 per gli...

L’Azienda USL di Bologna in merito alle vaccinazione anti-COVID 19 per gli ultra80enni

In relazione alla vicenda, segnalata da alcune testate nei giorni scorsi, riguardante le prenotazioni del vaccino anti-COVID 19 di cittadini di 80 anni e oltre, l’Azienda Usl di Bologna precisa.

I criteri generali che l’Azienda Usl di Bologna ha seguito nel programmare la campagna di vaccinazione anti-COVID 19 ai cittadini con 80 anni e oltre, fanno riferimento alle indicazioni regionali, che prevedono tempi di avvio diversificati a seconda dell’età. Per i nati dal 1936 in poi, l’avvio delle prenotazioni è avvenuto a partire dal 15 febbraio, mentre i nati dal 1937 al 1941 (compresi) le prenotazioni si apriranno il 1° marzo.

Foto di torstensimon da Pixabay

Tuttavia, in alcuni casi, in particolare per i punti vaccinali spot, ovvero quelli mobili previsti in modo capillare in tutto il territorio metropolitano, l’Azienda ha dato indicazione di aprire le prenotazioni anche per gli 80enni e oltre.
Si è ritenuto prioritario, infatti, ottimizzare l’utilizzo delle fiale, evitando qualsiasi spreco, favorendo al contempo la più ampia partecipazione dei cittadini in punti vaccinali nei quali, per ragioni geo/demografiche, era prevedibile aspettarsi flussi di prenotazione meno consistenti.

Con l’avvio delle agende di prenotazione, uno strumento costruito ad hoc per gestire una campagna vaccinale di massa mai tentata prima in Italia, e non solo, si è potuto verificare la necessità di adeguare la naturale rigidità di uno strumento informatico, con le indicazioni di flessibilità sopra descritte, constatandone tuttavia rapidamente la difficile applicabilità, anche per la multicanalità e la capillarità dei punti di prenotazione.

Per questo motivo, quindi, già la scorsa settimana, l’Azienda ha bloccato le prenotazioni delle persone fra gli 80 e gli 84 anni, dando le opportune indicazioni per la modifica del sistema informatico.
Va precisato che, nella maggioranza dei casi, gli appuntamenti per le persone ricomprese in questa classe di età sono stati fissati a partire dal 1° marzo.
Nessuno è stato o sarà escluso dalla possibilità di prenotare e quindi di vaccinarsi.

Va ricordato, infatti, che l’Azienda Usl di Bologna, così come l’intero Servizio Sanitario Regionale, sta operando per accelerare la campagna vaccinale di massa, massimizzandone gli effetti per giungere più rapidamente possibile ad una copertura che contrasti la diffusione del virus, che proprio in queste settimane registra, invece, nuovi picchi espansivi.