Home Bologna I tool tecnologici utili per lavorare e studiare da casa

I tool tecnologici utili per lavorare e studiare da casa






I tool tecnologici utili per lavorare e studiare da casaLe direttive, anche se spiacevoli, sono chiare: tutti a casa! Per le tantissime persone che hanno cambiato modalità di lavoro, ecco quali sono i migliori strumenti e tool di cui dotarsi per rimanere produttivi, che si possono reperire e acquistare comodamente online, magari approfittando delle tante offerte o di un codice sconto ePRICE.

 

Cosa serve dunque per lavorare e studiare da casa oltre ad un buon pc? Un’ottima connessione, please!

Può sembrare scontato, ma fino a poco tempo fa la maggior parte delle persone utilizzava pc e tablet a casa solamente nel tempo libero; ad oggi un’adeguata dotazione hardware è indispensabile per riuscire a gestire ore di lavoro, riunioni o lezioni virtuali e condivisione dei contenuti; ci si trova tutti in casa contemporaneamente ad utilizzare più pc o dispositivi elettronici e il primo strumento che viene tirato in ballo è il router. Per ottimizzare prestazioni e operatività di tutti gli smartworker o studenti in modalità DAD è consigliabile installare delle antenne wi-fi USB per ampliare e migliorare la qualità del segnale, e beneficiare di maggior velocità e fluidità nel caricamento delle pagine web.

 

Webcam

Non sempre nei computer desktop sono installate webcam ad alta risoluzione e soprattutto le stanze della casa adibite ad ufficio non hanno una resa ottimale sul suono, non essendo concepite come le sale per conferenze; se le riunioni sono il pane quotidiano di tutta la famiglia, Logitech propone modelli di webcam e microfoni di espansione in grado di garantire una copertura estesa e prestazioni eccellenti anche oltre i 5 metri, fornendo a tutti i partecipanti una qualità impeccabile per tutta la durata del meeting.

 

Attenzione alla postura!

Lavorare e studiare in casa può portare ad eseguire i compiti e le lezioni in posizioni atipiche: questo perché viene sentito meno l’obbligo di assumere un comportamento adeguato, ma il rischio è quello che possano insorgere disturbi alla schiena e agli arti. Meglio organizzare sia per gli adulti che per i più giovani un angolo studio “professionale”, con sedie ergonomiche, illuminazione sufficiente e strumenti adeguati per poter svolgere lavoro e lezioni in maniera sana e costruttiva.

 

Tool indispensabili (e molto spesso gratuiti) di cui non puoi fare a meno

Esistono molteplici software che garantiscono non solo la continuità e l’efficienza lavorativa, ma anche il contatto in tempo reale di tutti i membri di un’azienda o di un gruppo di studenti: il lavoro agile è realtà! Ecco i principali tool più utilizzati del momento.

 

●    G-Suite.

Se già non si possiede, è altamente consigliabile creare un account Google. Oltre alla posta elettronica, Google offre un pacchetto di applicativi indispensabile per gestire la maggior parte dei lavoratori in smartworking e qualsiasi studente. Oltre alle funzioni Documenti, Fogli e Moduli, su Google si ha a disposizione un servizio cloud con 15 Gb di spazio in cui poter archiviare (e tenere al sicuro, grazie agli altissimi standard) documenti, fogli di calcolo e file di qualsiasi tipo.

 

●    Skype.

Tornato in auge ultimamente proprio a causa delle restrizioni e del lockdown, questo strumento per la comunicazione a distanza si sta rivelando perfetto in molteplici realtà lavorative. Oltre alle videochiamate e chiamate vocali, su Skype si possono condividere messaggi istantanei, documenti e file, creare sondaggi e persino inviare e ricevere denaro.

 

●    Trello.

Si tratta di un software gestionale facilissimo da usare e che permette sia al personale che al datore di lavoro di organizzare alla perfezione qualsiasi progetto. È strutturato in modo che le indicazioni siano visibili sia al singolo addetto che a tutto il team. Trello è esattamente come una lavagna o una bacheca, ma molto più Smart!

 

Tutti questi tool sono utilizzabili nella versione gratuita, che comprende la maggior parte delle funzioni, ma si rivelano ancora più funzionali se si attivano abbonamenti, anche a costi molto accessibili: una motivazione in più per rendere lo smart working ancora più ricco di significato e concretezza.

 

 






Articolo precedenteWorld Obesity Day: i dati modenesi su sovrappeso e obesità
Articolo successivoAnche a studenti universitari i fondi anti-crisi del Comune di Carpi