Home Cronaca Utilizzavano la lavanderia self service come luogo di spaccio. Due arresti a...

Utilizzavano la lavanderia self service come luogo di spaccio. Due arresti a Sassuolo, anche grazie all’aiuto dei cittadini





I Carabinieri dell’Aliquota Operativa della locale Compagnia, hanno raccolto segnalazioni di cittadini che avevano notato movimenti sospetti da parte di persone straniere all’interno di una lavanderia a gettoni. Vari servizi di perlustrazione e osservazione fatti dai Carabinieri hanno confermato la veridicità delle notizie. Evidentemente erano convinti che il luogo particolarmente inusuale e normalmente frequentato da persone che attendono il lavaggio dei propri indumenti, fosse sicuro. Nel primo pomeriggio di ieri i Carabinieri della Compagnia di Sassuolo hanno predisposto un servizio in abiti borghesi nei pressi una lavanderia self-service.

Nel servizio di osservazione i militari hanno verificato che dei ragazzi arrivavano a bordo di veicoli, entravano nella lavanderia e uscivano poco dopo. Capito che si trattava di attività di spaccio di sostanze stupefacenti, i militari hanno deciso di intervenire rapidamente. In quel momento lo spacciatore che era all’interno della lavanderia, pur avvertito dal complice che faceva da “palo” all’esterno, non ha avuto il tempo di disfarsi della sostanza stupefacente, droga che era appoggiata sul tavolo della lavanderia contenuta in alcune buste.

I due stranieri di origini marocchine, un 34enne e un 27enne si sono dati alla fuga per le vie della città. Per circa 2 km gli stessi hanno tentato in qualsiasi modo di evitare il fermo, addirittura scavalcando una recinzione e lanciandosi nel vuoto da un’altezza di circa 5 metri. Arrivati quasi al centro della città, grazie anche alla collaborazione di alcuni cittadini accorsi in supporto ai Carabinieri, i due sono stati fermati. Nel tentativo di immobilizzarli, un militare ha riportato anche diverse escoriazioni. La perquisizione personale ha permesso di rinvenire sui due cittadini maghrebini oltre 7000 € in contanti, somma sequestrata poiché provento dell’attività delittuosa, sequestrando anche oltre 13 grammi di cocaina abbandonati nella fuga e rinvenuti all’interno della lavanderia.

I due cittadini, senza fissa dimora, noti per i loro precedenti specifici, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale.
Nella mattinata l’arresto è stato convalidato dal Giudice e per i due è scattato il divieto di dimora nella Provincia di Modena.