Home Ambiente Il rilancio delle aree di pregio dell’Emilia orientale al centro dell’incontro tra...

Il rilancio delle aree di pregio dell’Emilia orientale al centro dell’incontro tra l’assessora Lori e il presidente dell’Ente di gestione, Ceccoli





Il rilancio delle aree di pregio dell’Emilia orientale al centro dell’incontro tra l’assessora Lori e il presidente dell’Ente di gestione, CeccoliUna superficie protetta di oltre 26.500 ettari, forte di ben cinque parchi regionali – quelli dell’Abbazia di Monteveglio, Corno alle Scale, Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa, Laghi di Suviana e Brasimone, Monte Sole tutti in provincia di Bologna – ma che conta anche 1 Riserva naturale, 1 Paesaggio naturale e seminaturale protetto, 8 Aree di riequilibrio ecologico.

I progetti di rilancio e valorizzazione delle aree protette che fanno capo all’ Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità – Emilia orientale sono stati al centro dell’incontro   che l’assessora ai Parchi, Montagna e Forestazione, Barbara Lori, ha avuto questa mattina col presidente, Sandro Ceccoli e ildirettore, Massimo Rossi, presso ilParco dell’abbazia di Monteveglio, sede dell’Ente.

“Si è trattato di un confronto molto proficuo – commenta l’assessora Lori al termine dell’iniziativa – con una realtà capace di dialogare e costruire progetti con il territorio. La cura e la crescita dei parchi sono particolarmente preziose per la nostra Regione, in particolare per il mio assessorato, impegnato in prima linea per proseguire nella tutela e valorizzazione delle tante biodiversità e di ambienti unici e preziosi presenti nei nostri Parchi. Ecco perché vogliamo continuare a offrire standard qualitativi elevati, rafforzando il sostegno ai territori che attraverso le governance locali garantiscono una gestione altamente qualificata. Non solo: i parchi sono anche strategici per la valorizzazione dei territori in chiave turistica”.

Va in questa direzione il nuovo Programma di investimenti per i parchi e le aree protette approvato dalla Giunta regionale e che mette a disposizione dell’Ente Parchi Emilia Orientale circa 727 mila euro per il triennio 2021-2023. Risorse che si aggiungono ai 985 mila euro già assegnati a marzo come contributo 2021 per le spese di funzionamento e di gestione degli Enti parco.

Articolo precedenteTrenitalia Tper, linea Bologna – Poggio Rusco: dal 6 giugno otto nuovi treni per la Ciclovia del sole
Articolo successivoAsma, a Reggio Emilia una quattro giorni di consulti gratuiti per riconoscerla e curarla