Home Economia Le strategie dell’Emilia-Romagna per incrementare i flussi di investimenti tra Italia e...

Le strategie dell’Emilia-Romagna per incrementare i flussi di investimenti tra Italia e Cina





Le strategie dell’Emilia-Romagna per incrementare i flussi di investimenti tra Italia e Cina
Vincenzo Colla (Copyright Regione Emilia-Romagna A.I.C.G. – Autore Ballardini Pietro)

“Per attrarre investimenti, come ad esempio quelli provenienti dalla Cina, servono relazioni internazionali di qualità, definite sul piano culturale, accademico ed economico, unite alla capacità di presentare i territori come piattaforme integrate di servizi, competenze e buoni rapporti istituzionali. Naturalmente, a monte serve anche  una strategia nazionale di posizionamento, che consenta di individuare gli investimenti su cui il Paese vuole puntare, per supportarli e accompagnarli”.

Così Vincenzo Colla, assessore regionale allo Sviluppo economico e al Lavoro, intervenendo al seminario, in videoconferenza, dal titolo “Italy Land of attractivness for foreign investors”, evento finalizzato ad incrementare i flussi di investimento fra Italia e Cina organizzato, nell’ambito del ‘Joint working group on bilateral investments’, da Fondazione Italia Cina e Camera di Commercio Italia Cina.

All’incontro erano presenti tra gli altri, oltre ai presidenti dei due Enti, Mario Boselli e Zhang Yujing, il viceministro dello Sviluppo economico, Alessandra Todde, e il presidente ICE, Carlo Ferro.

“Per quanto riguarda i nostri investimenti in Cina -ha aggiunto Colla– ci dobbiamo attrezzare per essere più forti, perché le nostre imprese manufatturiere sono di piccole dimensioni: anche in questo caso le piattaforme possono essere una risposta”.

“In Emilia-Romagna -ha poi ricordato l’assessore Colla– ci sono i due più grandi investimenti cinesi in Italia: quello di Weichai, grande gruppo manufatturiero che ha rilevato la Ferretti Yachts, e quello di Faw, il più grande gruppo automobilistico cinese, che in joint venture con l’americana Silk Ev produrrà a Reggio Emilia le nuove supercar elettriche Questi investimenti non sono arrivati per caso. A Faw abbiamo presentato l’investimento sui Big Data del Tecnopolo di Bologna, la rete di Università e centri di ricerca, le competenze, conoscenze ed eccellenze della Motor Valley e di tutta la filiera dell’automotive e una rete istituzionale disponibile ad accompagnare il progetto. L’investimento sull’elettrico, inoltre, si inserisce pienamente nella strategia sostenibile che abbiamo scritto nel Patto per il Lavoro e per il Clima, con l’obiettivo è creare in Emilia-Romagna una piattaforma per la mobilità elettrica”.

“Dobbiamo prepararci – ha concluso Colla – per l’Expo di Dubai, perché quello sarà l’expo del rinascimento, e non possiamo restare fuori dai grandi movimenti già in atto nel mondo sui temi dello sviluppo ambientalmente e socialmente sostenibile”.

A conclusione dell’incontro, i partecipanti hanno sottolineato la necessità di ideare in tempi brevi piattaforme integrate per la competitività del sistema paese all’interno delle filiere, per settore industriale e per il territorio. Tenuto conto del fatto il Pnrr, inoltre, cambierà la dimensione e il timing degli investimenti. Resta in primo piano il tema della reciprocità -è stato rimarcato- con la necessità di avere linee guida sugli investimenti che valgano allo stesso modo in Italia e Cina, insieme al tema della semplificazione burocratica e delle certezze normative che ancora oggi frenano gli investimenti esteri nel nostro Paese.

Secondo i dati forniti dalla Camera di Commercio Italia Cina, le aziende con sede nella Repubblica Popolare Cinese negli ultimi 10 anni hanno investito circa 16 miliardi di euro in Italia, meno che in Germania e nel Regno Unito, dove sono stati il triplo.