Home Ambiente Gelate primaverili: nuovo bando da quasi 6,5 milioni di euro per prevenire...

Gelate primaverili: nuovo bando da quasi 6,5 milioni di euro per prevenire i danni alle produzioni frutticole





Nuovi contributi alle imprese agricole emiliano-romagnole per la prevenzione dei danni causati dalle gelate primaverili.
Dopo il bando che si è chiuso lo scorso mese di marzo, sono stati messi a disposizione ulteriori 6,5 milioni di euro circa per un nuovo bando per interventi volti a prevenire i danni da gelate primaverili alle colture frutticole. I finanziamenti possono coprire fino al 70% dell’investimento.
Tra i criteri di priorità: le aziende gestite da giovani imprenditori e le aziende con specie frutticole più suscettibili alle gelate primaverili.

“È il secondo bando contro le gelate messo in campo quest’anno dalla Regione- spiega l’assessore regionale all’Agricoltura Alessio Mammi-, per sostenere gli imprenditori agricoli di fronte a un problema che negli ultimi anni si sta registrando con maggiore influenza. I danni alle colture sono infatti legati ai cambiamenti climatici e amplificati da inverni con temperature sopra la media che rendono colture come pesco, ciliegio, albicocco, kiwi e tante altre più vulnerabili nei periodi delle gelate. In questa cornice, le risorse previste dal Psr rappresentano un valido sostegno all’intero comparto regionale, per agire d’anticipo e preservare le produzioni. Abbiamo avuto modo di constatare che i sistemi antibrina servono a prevenire i danni da gelo, e pertanto riteniamo sia importante dare questa ulteriore opportunità alle aziende del nostro territorio, colpite sempre più spesso da questi fenomeni”.

Il contributo regionale, pari al 70 % del costo ammissibile dell’investimento, consentirà l’acquisto e la messa in opera di ventilatori e bruciatori con funzione antibrina e la copertura – pari al 3% dell’importo ammissibile – delle spese tecniche generali sostenute dagli agricoltori.
Gli interventi potranno anche consistere nell’implementazione di impianti irrigui esistenti con l’aggiunta di una linea di adduzione con specifiche funzioni antibrina (del tipo ad aspersione soprachioma o sottochioma).
Per ogni domanda sono fissati limiti di spesa ammissibile, che non potrà essere inferiore ai 5 mila euro e non dovrà superare i 200 mila./OC

Le domande possono essere presentate sulla piattaforma on line di Agrea entro le ore 13 del 19 novembre 2021

Il bando è consultabile sulle pagine Agricoltura del portale ER della Regione Emilia-Romagna: https://bit.ly/3zE4CB9

Articolo precedenteConnettività e start-up, l’assessore regionale Salomoni nel Circondario imolese per verificare l’avanzamento dell’Agenda digitale locale
Articolo successivoCovid, in Italia 4.522 casi e 24 decessi