Home Appuntamenti Festival di cibo e letteratura: dal 17 al 19 settembre tre giorni...

Festival di cibo e letteratura: dal 17 al 19 settembre tre giorni di libri, spettacoli e gusto nel parco di Villa Salina a Castel Maggiore





Il Parco di Villa Salina Malpighi, dimora seicentesca appartenuta all’illustre anatomista bolognese Marcello Malpighi che qui coltivò la sua passione per la botanica e le piante rare, torna a spalancare i suoi cancelli al pubblico con la nona edizione di Condimenti – Festival di cibo e letteratura, format ideato da Belinda Gottardi, Sindaca di Castel Maggiore con Delega alla Cultura dell’Unione Reno Galliera. Un modo per ritrovarsi ancora una volta assieme, nel segno della cultura e della socialità come indispensabile “nutrimento” di una collettività. Dal 17 al 19 settembre si alterneranno presentazioni di libri e spettacoli, teatro e musica, cooking show e laboratori per grandi e piccoli a cura di Coop Alleanza 3.0 e L’Angelica – sponsor della manifestazione insieme a Veneta Cucine, Alce Nero, Meseta e Piana Miele – sessioni di yoga e attività sportive all’aria aperta, e naturalmente le proposte gastronomiche di eccellenza delle postazioni street food attive per tutta la durata della manifestazione.

Nel presentare questa edizione del Festival la Sindaca sottolinea l’importanza del primo grande evento della stagione culturale di Castel Maggiore: “Condimenti Festival è ormai un punto di riferimento per il territorio dell’Unione Reno Galliera e per la Città metropolitana di Bologna nel suo complesso, per il calibro degli ospiti invitati e l’ampiezza dell’offerta culturale, con un sapiente dosaggio di impegno e intrattenimento, cultura letteraria e conoscenze gastronomiche”.

La Campania sarà la regione ospite di questa edizione, con proposte culturali e gastronomiche che rendono omaggio a uno dei territori più straordinari della nostra Penisola: lo spettacolo di sabato 18 è affidato alla comicità irresistibile di Casa Surace, fenomeno social con oltre 4 milioni di fan sul web, che presenterà lo spettacolo “Chi l’ha detto che pizza fritta e tortellini non possono essere amici?”, un viaggio che parte dalla Campania e arriva fino all’Emilia Romagna, esplorando le differenze tra nord e sud in chiave ironica con i simpaticissimi Riccardo Betteghella, Bruno Galasso e Alessio Strazzullo.

L’apertura del Festival è affidata venerdì 17 settembre alle ore 20.30 al consueto appuntamento con Condimenti Off, che vedrà esibirsi sul palco l’Aquino e Marchetti Duo: il trombettista Luca Aquino e il fisarmonicista Natalino Marchetti si esibiranno in un omaggio appassionato alla musica popolare italiana. Sarà Belinda Gottardi, Sindaca di Castel Maggiore, a tagliare simbolicamente il nastro della nona edizione sabato 18 settembre alle ore 16, con l’inaugurazione della mostra “Dal nettare al miele” del fotografo Luca Mazzocchi, sponsorizzata da Piana Miele. Il primo autore ospite sarà Jacopo Veneziani, giovane e brillante critico d’arte e volto noto della tv per la sua partecipazione alla trasmissione di Rai Tre “Le parole della settimana” condotta da Massimo Gramellini: Veneziani presenterà il suo “Simmetrie. Osservare l’arte di ieri con lo sguardo di oggi” (Rizzoli), nel quale indaga le inedite corrispondenze tra l’arte del passato e quella moderna e contemporanea. Tra i protagonisti letterari di questa edizione lo scrittore partenopeo Pino Imperatore (sabato 18 settembre, ore 19.00), autore della saga comico letteraria della sgangherata famiglia camorrista degli Esposito, con il suo “Tutti matti per gli Esposito” (Salani), da cui il comico e regista Alessandro Siani ha tratto il film “Benvenuti in casa Esposito”. E ancora Marilù Oliva (domenica 19 settembre alle 18.30) che con il suo “Biancaneve nel Novecento” (Solferino Editore) è stata presentata alla ultima edizione del Premio Strega, e Marcello Fois (domenica 19, ore 19.30) che sarà a Condimenti con il suo ultimissimo libro, “L’invenzione degli italiani” (Einaudi), uscito lo scorso 7 settembre, in cui le pagine del libro “Cuore” vengono ripercorse per comprendere il presente dell’italianità. E ancora Massimo Vitali con il suo “Se son rose” (Sperling), surreale e comica vicenda di un cuore infranto (domenica 19, ore 12), i fondatori del Forno Brisa con il loro stupefacente “Ricette rubate per artigiani, sognatori e startupper” (Cook.Ink), in cui raccontano idee e persone che hanno contribuito a costruire la loro personale filosofia, e Tiziana Di Masi e Andrea Guolo che in “#Iosiamo” (San Paolo Editore) hanno portato su pagina il resoconto della tournée teatrale dell’ultimo fortunato spettacolo della Di Masi, dedicato ai mille volti dell’associazionismo e della solidarietà.

Torna l’amato appuntamento con i cooking show: saranno protagonisti Dario Picchiotti, estroso chef dell’Antica Trattoria di Sacerno, le sfogline di Sfoglia Rina e la ricetta originale dell’hummus di ceci con Ciao Kebab. Ricco il calendario di eventi per i bambini con i laboratori di Coop Alleanza 3.0, di CUSB – Centro Universitario Sportivo Bologna e del Festival Uscire dal Guscio, dedicati allo sport e al movimento, mentre Junior Poetry Festival condurrà piccoli e grandi alla scoperta di Dante, nel settecentesimo anniversario della morte. E ancora la biciclettata da Piazza Maggiore al Parco di Villa Salina a cura di FIAB Bologna – Montesole Bike Club, l’esibizione di frisbee freestyle a cura di CUSB, con i Campioni d’Europa e tante altre sorprese. Chiudono la IX edizione domenica sera l’assegnazione del Premio Condimenti per la scrittura, lo spettacolo di danza “D’Onne” di Grand Jeté Dance Academy e lo show lirico-gastronomico “Tenore in cucina” con Cristiano Cremonini – in arte Cris La Torre – Dario Turrini e Denis Biancucci, viaggio in musica da Rossini a Dalla, un pot-pourri di tradizionali romanze e canzoni italiane.

Per tutta la durata di Condimenti saranno presenti nel parco di Villa Salina le postazioni di street food di Banco 32, Sfoglia Rina, Porta Pazienza On The Road, Altre Terre Cucine dal Mondo e Ciao Kebab – che ad ogni ora offriranno i loro gustosi piatti, dalla pasta fresca al pesce, dalle proposte più tradizionali alla cucina campana a quella etnica.

Il bookshop presso cui acquistare i libri degli autori di CondiMenti 2021 e tanti altri sarà anche quest’anno a cura della libreria Lèggere Leggére di Castel Maggiore.

L’ingresso è gratuito a tutti gli eventi, ed è necessario essere in possesso di Green pass come da disposizioni di legge. Per l’iscrizione agli spettacoli serali è necessaria l’iscrizione su piattaforma Eventbrite, come per l’iscrizione ai laboratori adulti e bambini. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito www.condimentifestival.it.

Articolo precedenteIl Museo d’Arte Moderna di Bologna ospita ‘è tutto qui’ dispositivo scenico di Febo Del Zozzo
Articolo successivoAl via la vaccinazione anti Covid dedicata agli studenti Unibo per ritornare a studiare e vivere Bologna in sicurezza