Home Ambiente Legambiente: Sassuolo si mobilita nel prossimo fine settimana per “Puliamo il mondo...

Legambiente: Sassuolo si mobilita nel prossimo fine settimana per “Puliamo il mondo 2021 – ci penso io”





L’appuntamento – come noto – è fissato per domenica 26 settembre al Parco Ducale, con ritrovo alle 9.45 presso l’accesso avanti la Casa del Parco.

“Come ormai da tradizione anche quest’anno farà tappa a Sassuolo l’iniziativa di volontariato ambientale più celebre al mondo (Puliamo il Mondo è l’edizione italiana di “Clean Up The World”) che Legambiente organizza a livello locale in collaborazione con altre realtà associative, aziende, comitati e amministrazioni cittadine”.

“Quest’anno – continua Legambiente – realizzeremo l’iniziativa insieme all’associazione sportiva Fuori Campo 11 Asd, al comitato locale della Croce Rossa Italiana ed al network associativo WAU! – We Are Urban, nell’ambito del progetto “#cipensoio! #agpeinsme!” che nei prossimi mesi organizzerà più eventi in cui si concilieranno l’attività motoria e sportiva e le cura degli spazi pubblici della nostra città”.

I lavori di pulizia del Parco Ducale e delle aree circostanti saranno quindi preceduti da un’attività motoria di risveglio muscolare gestita da un preparatore atletico professionista.

Per garantire lo svolgimento delle attività in sicurezza, durante l’iniziativa verranno osservate misure organizzative volte a prevenire la diffusione del Covd-19. Dopo l’attività, ci sarà la possibilità per i partecipanti, muniti di panno e pranzo al sacco, di svolgere un pic-nic nel parco, sempre nel rispetto del distanziamento e delle misure di sicurezza.

Alla raccolta potrà partecipare chiunque sia armato di buona volontà, insieme ai volontari di Legambiente e delle associazioni che hanno collaborato nell’organizzazione dell’evento.

“Puliamo il mondo – conclude l’associazione ambientalista – non è solo un’azione di cura e pulizia, ma un piccolo gesto educativo che contribuisce a sviluppare il senso civico dei partecipanti, i quali si rendono conto quanto sia più faticoso porre rimedio ai danni inferti al territorio, piuttosto che la sua cura preventiva e quotidiana”.

 

 

 

Articolo precedenteGiorgetti “Cultura su Reddito Cittadinanza è sbagliata”
Articolo successivoDraghi “Cambiamenti climatici emergenza uguale a pandemia Covid”