Home Ambiente Pavullo, Graziano Pattuzzi sui temi dell’ambiente

Pavullo, Graziano Pattuzzi sui temi dell’ambiente





Un tema fondamentale per l’ambiente riguarda la gestione rifiuti. Negli ultimi cinque anni la percentuale di raccolta differenziata del Comune di Pavullo è rimasta immutata, a testimonianza del fallimento delle politiche ambientali adottate

Cura per il territorio e l’ambiente, tutela degli animali, incentivazione della mobilità sostenibile, incremento della raccolta differenziata e valorizzazione dell’agricoltura, soprattutto nel sostegno dei giovani imprenditori agricoli. Questi alcuni dei temi chiave affrontati nel programma elettorale da Graziano Pattuzzi, candidato per il Centrosinistra alle prossime elezioni amministrative sul tema dell’ambiente.

“Le attività umane – dice Pattuzzi – hanno fortemente modificato il clima, causando una crisi climatica che rischia di essere irreversibile se non si ridurranno drasticamente le emissioni di gas serra entro il 2030. Per evitare queste conseguenze catastrofiche, è necessario che ogni Comune metta in atto politiche di transizione ecologica. L’obiettivo è incrementare fortemente la quota di energia generata da fonti rinnovabili e al contempo diminuire quella sprecata; dovranno essere create filiere di economia circolare, per ridurre il consumo di risorse, tutelate le aree verdi ed aumentare la resilienza del territorio. Saranno pertanto essenziali molti interventi in tal senso, con ricadute positive sull’economia locale, nel breve e nel lungo periodo”.

“Le nostre proposte prevedono lo smaltimento dei rifiuti basato su un digestore anaerobico che possa sfruttare i rifiuti di aziende e cittadini per produrre compost di qualità, che potrà essere restituito agli agricoltori, e biogas, che potrà essere venduto alla rete o utilizzato per produrre elettricità. Altro tema centrale è quello dell’acqua: oltre all’ammodernamento della rete idrica e fognaria, a partire dal canale collettore principale, sotto la Via Marchiani, si potrebbero realizzare negli edifici o parcheggi cisterne sotterranee di raccolta dell’acqua piovana, che possono fungere da riserve nei mesi più caldi ed evitare l’allagamento delle strade a causa delle sempre più frequenti bombe d’acqua. Altro impegno della nostra Amministrazione sarà quello di vigilare sullo stato dei vari fiumi e torrenti che attraversano il nostro territorio, con una particolare attenzione al Cogorno e al depuratore, agendo in caso di eccessivo inquinamento delle acque. Proprio riguardo il torrente Cogorno, intendiamo valutare attentamente il progetto di Hera per realizzare un impianto in grado di dividere le acque bianche da quelle nere, garantendo la salubrità delle acque”.

“Altro tema fondamentale per l’ambiente – spiega Pattuzzi – riguarda la gestione rifiuti. Negli ultimi cinque anni la percentuale di raccolta differenziata del Comune di Pavullo è rimasta immutata, a testimonianza del fallimento delle politiche ambientali adottate.

Per incentivare la raccolta differenziata dei rifiuti, la prossima Amministrazione dovrà installare sistemi di raccolta elettronici, lavorare per lo studio e la successiva implementazione di una raccolta porta a porta e introdurre una carta elettronica su cui caricare buoni spesa, in base alla quantità di rifiuti differenziati. Sarà inoltre fondamentale collaborare con negozi e supermercati locali per installare distributori di acqua e detersivi sfusi. La prossima Amministrazione dovrà anche continuare l’impegno di fornire

borracce a tutti gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, di dotare le scuole e edifici pubblici di dispenser per l’erogazione dell’acqua, eliminando i distributori di bottiglie. Si dovranno anche sostituire i bicchieri monouso in plastica con bicchieri biodegradabili e compostabili”.

“Sarà fondamentale incentivare anche la mobilità sostenibile, il car sharing e mezzi di trasporto non inquinanti: in tal senso si dovranno installare stazioni di ricarica elettrica in tutti i parcheggi di Pavullo, che siano nuovi o in costruzione, nel capoluogo o nelle frazioni”.

“Non possiamo poi dimenticare l’importanza della preservazione delle aree boschive per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici e contrastare gli effetti di desertificazione Il Comune deve quindi impegnarsi per la valorizzazione e la preservazione dei boschi del nostro territorio. In primis pensiamo ad un rilancio ed una più marcata valorizzazione della Riserva Naturale Orientata di Sassoguidano. Oltre alla flora, a necessitare di protezione ed attenzione è anche la fauna del nostro territorio. Per gli animali domestici intendiamo continuare a sostenere il canile intercomunale e valuteremo azioni tese a sostenere politiche di adozione degli animali abbandonati. Sul fronte invece degli animali selvatici l’impegno è di collaborare il più possibile le associazioni che si occupano della cura della fauna presente nei nostri boschi e negli altri habitat naturali del nostro Comune”.

“Il settore agricolo del nostro territorio – conclude Pattuzzi – riveste un ruolo di particolare importanza sia per il valore economico che riesce a sviluppare direttamente, che per le molteplici attività indotte che creano reddito ed occupazione. L’Amministrazione deve stimolare la Regione Emilia-Romagna, la Provincia ed altri enti come i Consorzi di Bonifica per l’attivazione di interventi diretti a favore del mondo agricolo.

La Regione, in particolare, oltre ad erogare aiuti provenienti dall’Unione Europea è titolare anche delle competenze in materia di promozione dei prodotti agricoli e di gestione degli spandimenti dei reflui zootecnici. Un’azione forte su questo ente potrà portare ad enormi benefici attraverso la richiesta di attivazione di tutte le opportunità di finanziamento a favore della montagna, e che spesso non riescono ad essere sfruttate.

Sulle competenze dirette il Comune deve costruire percorsi più rapidi per tutti quegli imprenditori, soprattutto giovani, che necessitano di autorizzazioni comunali finalizzate alla realizzazione di progetti aziendali agricoli, che rischierebbero di non poter usufruire dei benefici pubblici previsti dal Piano di Sviluppo Rurale della Regione”.

 

Articolo precedentePer la Green Warriors Sassuolo, buone indicazioni nel primo test stagionale
Articolo successivoSindaco e Giunta incontrano Montegibbio