Tutto pronto a Castelfranco Emilia per alzare il sipario su October Young, di scena a Cà Ranuzza da venerdì 1 a domenica 3 ottobre. Si tratta dell’esito finale di un lungo processo di partecipazione, che ha visto l’Amministrazione comunale, l’Unione del Sorbara e l’Associazione Bangherag mettersi in ascolto delle giovani generazioni per raccogliere le loro esigenze, idee e opinioni, con l’obiettivo di rendere ragazze e ragazzi sempre più protagonisti della comunità in cui vivono.

La scelta è stata quindi quella di coinvolgere i giovani del territorio, riuniti in associazioni e gruppi spontanei, per condividere la progettazione e la realizzazione di un festival che sia pensato e organizzato interamente da loro.

“E’ con grande gioia che in questi mesi abbiamo visto questo gruppo crescere e dare forma alla tre giorni di festival – ha dichiarato l’Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Castelfranco Emilia Valentina Graziosi spiegando che – October Young rappresenta per l’Amministrazione un primo esperimento di partecipazione giovanile, in cui abbiamo creduto e investito negli ultimi anni, sia come Comune che come Unione del Sorbara, consapevoli che il polo di Cà Ranuzza diventerà un riferimento per le giovani generazioni solo attraverso una progettazione condivisa del suo sviluppo futuro. Questo è un primo passo, cui siamo certi ne seguiranno altri nei prossimi mesi”.

Da venerdì 1 a domenica 3 ottobre ragazze e ragazzi saranno quindi protagonisti di una tre giorni al parco di Ca’ Ranuzza, polo di aggregazione giovanile del territorio, con una serie di attività pomeridiane e serali divise tra cibo, musica e sport.

Le ore pomeridiane saranno occupate da tornei di calcetto e basket 3 contro 3, mentre venerdì sera gli studenti dell’istituto Spallanzani si esibiranno in una gara di cucina. Il programma serale delle tre giornate sarà dedicato a diverse di esibizioni dal vivo con Indie power (venerdì 1), Sir K e Steve Sax (sabato 2) e Mors (domenica 3).

Molte anche le storiche realtà associative presenti, a cominciare da Croce Blu e associazione Cà Ranuzza, cui si aggiungono attori del tessuto produttivo e della ristorazione come il Caffè Garibaldi. Infine, tutta la manifestazione sarà sostenibile e plastic free grazie alla collaborazione di Human Maple, start-up giovanile del territorio. Non mancheranno le esposizioni di bancarelle con artigianato locale e una mostra artistica interattiva curata da giovani artiste e artisti di Castelfranco Emilia.  Il programma completo sarà pubblicato sulle pagine Social dell’iniziativa https://www.facebook.com/octoberyoungcfe, htttps://instagram.com/octoberyoungcfe

e su quelle del Comune di Castelfranco Emilia.

Articolo precedenteOggi (28/9) in regione 197 nuovi positivi Covid su 36mila tamponi eseguiti (0,5%). Due decessi
Articolo successivoBAT, 500 milioni di investimento per un nuovo hub a Trieste